15GEN

LAZIO-ROMA 19:43


Nei biancocelesti recupero riuscito per Correa, ma non per Fares. L'argentino tornato in gruppo e arruolabile per il derby, ma si accomoderà inizialmente in panchina. Infatti mister Inzaghi conferma Caicedo in attacco con Ciro Immobile, pronto a subentrare poi Muriqi. Sulle fasce Lazzari e Marusic, ancora OUT l'algerino indietro nel protocollo di recupero mentre fa parte dei convocati il ristabilito Lulic. In regia ci sarà Leiva, coadiuvato da Milinkovic-Savic e Luis Alberto. Difesa diretta da Acerbi con ai lati Luiz Felipe e Radu. Tra i pali Reina, ai box Strakosha per un problema muscolare. Mister Inzaghi in conferenza alla vigilia del derby: "Siamo tutti contenti di riavere Lulic, è il nostro capitano. Fares e Cataldi non ci saranno, saranno disponibili Luis Alberto e Immobile. Proveremo ad accorciare i tempi anche per Correa". 
I convocati: Reina, Alia, Furlanetto, Cyz, Luiz Felipe, Acerbi, Patric, Armini, Radu, Hoedt, Escalante, Luis Alberto, Milinkovic-Savic, Akpa Akpro, Lazzari, Pereira A., Lulic, Parolo, Lucas Leiva, Marusic, Muriqi, Correa, Immobile, Caicedo.

Nelle fila dei giallorossi mister Fonseca non ha recuperato Mirante, Calafiori e Santon, tutti alle prese a Trigoria con i piani di recupero causa i rispettivi acciacchi fisici. Si è però riaggregato Pedro da mercoledì al gruppo; lo spagnolo arma per il derby, lasciando posto a Pellegrini con Mkhitaryan sulla trequarti alle spalle della punta Dzeko. In mezzo al campo scelto Villar per affiancare Veretout. Tra i pali ci sarà Pau Lopez, con il terzetto Ibanez, Smalling e Mancini a formare la difesa. Corsie esterne presidiate da Karsdorp e Spinazzola, pronto Bruno Peres a subentrare a gara in corso. Le dichiarazioni di Fonseca in conferenza stampa: "Pedro sta bene, è convocato. Noi vogliamo vincere sempre pensando partita dopo partita". 
I convocati: Farelli, Pau Lopez, Fuzato, Ibanez, Spinazzola, Bruno Peres, Juan Jesus, Kumbulla, Smalling, Fazio, Mancini, Karsdorp, Mkhitaryan, Villar, Cristante, Pellegrini Lo., Diawara, Veretout, Podgoreanu, Pedro, Mayoral, Carles Perez, Dzeko.

SAMPDORIA-UDINESE 19:34


Nella difesa blucerchiata verranno schierati Colley e Yoshida al centro, visto che Tonelli non è convocato dopo che in settimana ha svolto solamente lavoro individuale a Bogliasco. Sulla destra conferma per il ristabilito Bereszynski. In mezzo al campo Thorsby con Ekdal, pronto a subentrare poi Adrien Silva. Squalificato Jankto, fasce di centrocampo occupate da Candreva e Damsgaard. In attacco mister Ranieri dovrebbe tornare ad affidarsi a Quagliarella dopo le ultime esclusioni, a sostegno del capitano è vivo il ballottaggio tra Verre e Keità. Partirà dalla panchina il nuovo acquisto Torregrossa. Mister Ranieri in conferenza: "Smettiamo di parlare e diamo risposte sul campo. Torregrossa acquisto importante, verrà in panchina ma non sto fisicamente al nostro livello". 
I convocati:  Letica, Ravaglia, Audero, Yoshida, Augello, Rocha, Colley, Bereszynski, Regini, Adrien Silva, Candreva, Ekdal, Thorsby, Askildsen, Leris, Verre, Damsgaard, Ramirez, Quagliarella, Keita B., Torregrossa, La Gumina.

Nei friulani mister Gotti rilancerà Zeegelaar sulla sinistra di centrocampo, spostando Larsen nuovamente a destra. In cabina di regia si rinnova il duello tra Arslan e Walace, dal 1' in mediana ci saranno poi Pereyra e De Paul. Nel terzetto arretrato Bonifazi dovrebbe essere ancora preferito a De Maio, ai suoi lati poi Becao e Samir. In avanti Nestorovski si candida per affiancare Lasagna, ma il macedone rimane in lotta per una maglia con Mandragora che garantirebbe maggiore copertura a centrocampo e l'avanzamento sulla trequarti dell'argentino Pereyra. Recuperato Deulofeu, invece ai box Forestieri, Nuytinck e Okaka oltre i lungodegenti Pussetto e Jajalo. Mister Gotti in conferenza: "Deulofeu? Ha fatto i primi due allenamenti con la squadra ieri e oggi da dopo Benevento. Questa è la sua situazione"
I convocati: Gasparini, Scuffet, Musso, De Maio, Stryger Larsen, Ouwejan, Rodrigo Becao, Zeegelaar, Bonifazi, Samir, Molina N., Mandragora, Pereyra, Walace, De Paul, Arslan, Makengo, Nestorovski, Deulofeu, Lasagna.

CAGLIARI-MILAN 19:24


Nello schieramento rossoblu ritroverà posto dal 1' minuto Zappa sulla destra di difesa, reparto completato da Godin, Walukiewicz e Lykogiannis dinanzi al portiere Cragno. Diga mediana formata da Marin e Nainggolan, assente per squalifica Nandez. Sulla destra offensiva Ounas cerca posto, ma vivo il ballottaggio con Pereiro; sulla sinistra spazio per Sottil. Prima punta dovrebbe essere impiegato Simeone, preferito a Pavoletti, sostenuto poi da Joao Pedro. 

Nei rossoneri questa mattina non si sono allenati con la squadra Theo Hernandez e Calhanoglu, entrambi dunque in dubbio per la trasferta in Sardegna e da valutare nella giornata di domani quando potrebbero rivedersi a Milanello. Scalpita Ibrahimovic per ritrovare posto dal 1' minuto in campionato; l'attaccante svedese dovrebbe essere lanciato in campo da subito da mister Pioli, sostenuto dalla linea dei trequartisti formata da Castillejo, Calhanoglu (o Diaz) e Hauge complice anche l'assenza per squalifica di Leao. Procede lentamente il recupero di Saelemaekers che migliora e punta alla convocazione, ma al pari di Bennacer al massimo siederà in panchina. In mediana ci saranno Kessiè e Tonali. In difesa Kjaer e Romagnoli al centro, terzini Calabria e Theo Hernandez (o Dalot).

INTER-JUVENTUS 18:46


Nei nerazzurri mister Conte si affiderà a Lukaku e Lautaro Martinez in attacco, dalla panchina Sanchez. In cabina di regia ci sarà Brozovic, ai lati del croato Barella e Vidal (in pole sulla concorrenza di Gagliardini). Le corsie esterne saranno presidiate da Hakimi e Young, quest'ultimo preferito a Perisic viste anche le condizioni non ottimali di Darmian seppur recuperabile dalla forte contusione all’ala iliaca sinistra rimediata a Roma domenica scorsa. Difesa diretta da De Vrij, ai lati dell'olandese si disporranno Skriniar e Bastoni. Indisponibile D'Ambrosio, stringerà i denti Sensi dopo l'indurimento al polpaccio accusato mercoledì a Firenze nella fase del riscaldamento prematch di Coppa Italia. 

Nei bianconeri sono recuperabili Chiesa (contusione caviglia) e McKennie (noie muscolari), oggi hanno lavorato parzialmente in gruppo; il primo dovrebbe far parte dell'11 di partenza completando il centrocampo con Bentancur, Rabiot e Ramsey. Frenato invece Dybala da una lesione di basso grado del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro che terrà l'argentino ai box per circa tre settimane. Mister Pirlo in attacco dovrebbe preferire Morata dall'inizio a Kulusevski per far coppia con Cristiano Ronaldo. Sulle fasce di difesa spazio a Danilo e Frabotta, al centro potrebbe esserci la novità Chiellini al fianco di Bonucci. Attenzioni infine rivolte a Cuadrado e Alex Sandro, che potrebbero negativizzarsi al nuovo giro di tamponi e tornare arruolabili in extremis per il match di San Siro; OUT, invece, De Ligt per domenica sera.

TORINO-SPEZIA 18:34


Nei granata mister Giampaolo deve rinunciare all'infortunato Vojvoda (lussazione alla spalla), sulle fasce dovrebbe affidarsi a Singo e Rodriguez. In difesa confermato Izzo con Lyanco e Bremer, dinanzi al portiere Sirigu. Squalificato Rincon, scelto Segre in mezzo al campo per rimpiazzare il venezuelano con ai lati Linetty e Lukic. In attacco Belotti dovrebbe essere accompagnato da Verdi, pronto a subentrare Zaza. Non al meglio invece Bonazzoli a causa di noie muscolari, l'attaccante negli ultimi giorni si è limitato a un lavoro differenziato. Mister Giampaolo in conferenza: "Gioca Segre, sono convinto che possa far bene. Baselli non giocherà dall'inizio, ma avessimo bisogno posso contare su di lui". 

Nelle fila dei liguri Ricci, Bastoni e Acampora negativizzati dal coronavirus, ma non convocati per la sfida in Piemonte. Mister Italiano dovrebbe preferire Marchizza sulla sinistra di difesa e Agoumè in cabina di regia, a dispetto di Ramos e Maggiore. Non al meglio Agudelo che sul finale del match di lunedì contro la Samp ha lamentato un leggero fastidio muscolare, siederà in panchina. Monitorato dallo staff medico invece Nzola, che da martedì si limita a terapie per smaltire un trauma distorsivo-contusivo alla caviglia sinistra; l'attaccante non ci sarà a Torino, spazio per Piccoli nel tridente con Gyasi e Farias. Mister Italiano alla vigilia: "Perdiamo Nzola per questa gara. Agoumè deve essere più dinamico, iniziare a giocare da leader però ha tutte le carte in regola perché diventi un giocatore di grande livello". 
I convocati: Krapikas, Rafael, Provedel, Marchizza, Terzi, Chabot, Erlic, Vignali, Dell'orco, Ramos, Ismajli, Agudelo, Estevez, Saponara, Deiola, Agoume, Pobega, Maggiore, Leo' Sena, Verde, Piccoli, Galabinov, Farias, Gyasi.

CROTONE-BENEVENTO 18:26


Nei calabresi mister Stroppa deve ovviare alle assenze degli infortunati Molina, Marrone, Benali e Cigarini oltre quella dello squalificato Reca. Sulle fasce spazio a Pereira e Rispoli. In mezzo al campo con Vulic e Zanellato potrebbe esserci Messias, infatti il tecnico orientato ad assumere un atteggiamento più offensivo schierando Riviere in attacco con Simy. Dalla panchina Eduardo Henrique. In difesa Golemic con Djidji e Magallan, quest'ultimo resta insidiato da Cuomo.

Nei sanniti c'è cauto ottimismo per rivedere tra i convocati Tuia e Iago Falque, ma solo il difensore ha chances di partire titolare. A centrocampo Dabo con ai lati Ionita e Hetemaj, fuori causa Schiattarella risultato positivo al coronavirus. Avanti cerca conferma Sau dopo gli ultimi due gol in campionato, ma vivo il ballottaggio con Caprari recuperato dalle noie muscolari che lo hanno costretto a sedere in tribuna sabato scorso contro l'Atalanta. A sostegno della punta Lapadula potrebbe essere poi rilanciato Roberto Insigne, in tal caso Improta verrebbe adattato come terzino a svantaggio di Foulon. Migliorano infine le condizioni di Viola, recuperato Caldirola che sarà convocato come confermato da mister Inzaghi: "Viola sta tornando quello che tutti si aspettavano. Caldirola sarà convocato, potrei anche schierarlo subito. Caprari si sta allenando, vedremo; sceglierò uno tra lui e Sau. Perdiamo Schiattarella, in quel ruolo posso far giocare anche Hetemaj o Dabo". 

ATALANTA-GENOA 18:14


Nella Dea mister Gasperini confida di recuperare, quantomeno per la panchina, Pasalic che ha ripreso lunedì a lavorare in parte con il gruppo. Restano invece da valutare le condizioni di Pessina che giovedì in Coppa Italia ha lamentato un fastidio muscolare al flessore; se il centrocampista non dovesse farcela a partire dal 1', spazio a Malinovskyi. Avanti Zapata e Ilicic dall'inizio, pronto a dar manforte a gara in corso Muriel. Sulle fasce Hateboer e Gosens, in mezzo al campo De Roon e Freuler. In difesa riecco Djimsiti dal 1' minuto con Romero e Toloi, scivola in panchina Palomino.

Nel Grifone mister Ballardini potrebbe dare ancora fiducia al tandem Shomurodov-Destro in attacco, dalla panchina nel caso Pjaca e Scamacca. A centrocampo Zajc dovrebbe affiancare Badelj e Behrami, dalla panchina il nuovo acquisto Strootman e Lerager, dopo i 120 minuti disputati in Coppa Italia. Sulle fasce Zappacosta e Ghiglione, con quest'ultimo che rimane in ballottaggio per una maglia da titolare con il rientrante Goldaniga che, schierato nel terzetto di difesa con Masiello e Radovanovic, consentirebbe l'avanzamento di Criscito sulla sinistra. Migliorano le condizioni di Pellegrini, riaggregati al gruppo Pandev e Parigini.  

NAPOLI-FIORENTINA 17:16


Nella difesa azzurra ci sarà Manolas, tornato oggi ad allenarsi a pieno regime in gruppo; il greco si candida per un posto al centro della difesa al fianco del recuperato Koulibaly. Squalificato Di Lorenzo, terzini saranno Hysaj e Mario Rui dall'inizio. Tra i pali al rilancio Ospina, turnover per Meret. In mediana Bakayoko e Ruiz dall'inizio dopo aver riposato in Coppa Italia, a completare il reparto ci sarà Zielinski. Avanti può essere rilanciato Politano dall'inizio sulla destra, rischia Lozano dopo le tante gare ravvicinate disputate. Nel tridente certo del posto capitan Insigne, favorito Petagna nel duello con il ristabilito Mertens per il ruolo di punta centrale.

Nella Viola è in dubbio l'impiego dall'inizio Pezzella, ma sembra smaltito il fastidio muscolare alla coscia sinistra; mister Prandelli in difesa tiene in preallarme l'alternativa Martinez Quarta con Milenkovic e Igor. Recuperato Ribery, che si candida in attacco dal 1' minuto a sostegno della punta Vlahovic. In mezzo al campo ballottaggio Pulgar-Bonaventura, visto che Borja Valero mercoledì in Coppa Italia nella fase prematch è stato frenato da un fastidio muscolare; rientrerà poi in mediana Castrovilli dall'inizio scontato il turno di stop. Le fasce di centrocampo dovrebbero essere occupate da Caceres e Biraghi, ma restano vive le candidature di Venuti e Barreca. 

BOLOGNA-VERONA 17:15


Nei felsinei mister Mihajlovic può sorridere per i ritorni in gruppo di De Silvestri e Sansone, con il primo che presidierà la destra di difesa mentre l'attaccante si accomoderà in panchina. Recuperato anche Skorupski, riaggregato al gruppo in settimana e pronto a difendere già sabato i pali. Arruolabile per la mediana Svanberg scontata la squalifica, può scivolare in panchina inizialmente Dominguez. Riecco nell'11 di partenza Barrow in attacco, rischia Palacio che potrebbe lasciar posto inizialmente a Vignato sulla sinistra offensiva. Sulla destra ancora Orsolini preferito a Skov Olsen. Indisponibili Ravaglia, Medel, Mbaye e Santander. Le dichiarazioni di Mihajlovic alla vigilia della sfida: "Soumaoro si vede che può essere un giocatore importante. Stiamo lavorando con lui individualmente. Non è ancora al 100%, ma è un giocatore che può sicuramente darci una mano". 
I convocati: Breza, Da Costa, Skorupski, Danilo Lar., Hickey, Soumaoro, Dijks, De Silvestri, Paz, Tomiyasu, Baldursson, Schouten, Kingsley, Dominguez, Soriano, Poli, Svanberg, Barrow, Sansone, Orsolini, Skov Olsen, Palacio, Vignato.

Negli scaligeri mister Juric in difesa può rilanciare il ristabilito Dawidowicz per completare il reparto con Magnani e Gunter, indisponibile infatti Ceccherini per un'infiammazione al tendine. Sulle fasce conferma per Faraoni e Dimarco, recuperato Lazovic pronto a subentrare. In mezzo al campo al fianco di Tameze sarà riproposto Ilic per fare le veci dell'infortunato Veloso. Trequartisti Barak e Zaccagni, in pole ancora Kalinic su Di Carmine per il ruolo di prima punta. Juric in conferenza stampa: "Perdiamo Ceccherini che giocava con un'infiammazione al tendine. Lazovic ha fatto il primo allenamento ieri bene e può giocare anche titolare. Non abbiamo altri centrocampisti, siamo molto al limite, domani giocherà Ilic". 

SASSUOLO-PARMA 16:55


Neroverdi che devono fare i conti con le assenze degli infortunati Berardi e Bourabia oltre che con la squalifica di Obiang. In mezzo al campo duello Maxime Lopez-Magnanelli per affiancare Locatelli, che cercherà di recuperare dagli acciacchi lamentati negli ultimi giorni. Sulle fasce di difesa poi si rinnovano i ballottaggi Muldur-Toljan a destra e Kyriakopoulos-Rogerio a sinistra, mentre al centro ci saranno Chiriches e Ferrari. Avanti Caputo sostenuto da Traorè, Djuricic e Boga, ma quest'ultimo giovedì in Coppa Italia ha lasciato il campo per noie muscolari e il tecnico potrebbe rilanciare Defrel che ha ben figurato all'Allianz Stadium oltre al gol messo a segno. 

Emergenza difesa nei ducali: infatti, dopo gli stop nell'ultimo turno di campionato di Osorio e Valenti, si è fermato nell'allenamento di venerdì anche Bruno Alves per un problema muscolare ai flessori della coscia destra; raggiunti dunque in infermeria i noti Laurini, Gagliolo e Iacoponi. Non al meglio neppure Balogh che da giovedì lavora in differenziato per una tendinopatia. Potrebbe essere adattato Kurtic in difesa sulla destra, slitterebbe così Busi al centro con il giovane Ricci. A centrocampo mancherà lo squalificato Hernani, mister D'Aversa consegnerà le chiavi della regia a Brugman poi dovrebbero trovare posto Cyprien e Sohm ai lati dell'uruguaiano. Recuperato Kucka, dovrebbe completare il tridente offensivo con Cornelius e Gervinho. Assente inoltre Karamoh alle prese con una lesione muscolare agli adduttori della coscia sinistra, che lo terrà fuori per l'intero mese di gennaio.