SHARE

Juventus-Tottenham, tanta carne al fuoco per Maurizio Sarri

Oggi l'inizio della nuova era juventina, un'amichevole che sicuramente verrà studiata fin nei minimi dettagli


|

Dopo diverse settimane di attesa la Juventus scenderà in campo tra poche ore per la sua prima amichevole stagionale. Un test sicuramente non facile contro i vice-campioni d'Europa i quali, come detto da Sarri in conferenza stampa, hanno iniziato qualche giorno prima la preparazione ed inoltre possono vantare un gruppo solido che lavora assieme ormai da diversi anni. Per i bianconeri questa sarà invece la prima gara, seppur non ufficiale, del nuovo corso. Una sorta di nuovo inizio per cui c'è una grande attesa nonostante i pochissimi allenamenti alle spalle ed una situazione di rosa ancora da definire.

Alla vigilia del match nella consueta conferenza stampa di presentazione il neo-tecnico bianconero, accompagnato per l'occasione da Mattia De Sciglio, ha fornito alcuni spunti decisamente interessanti sulle sue ideologie tattiche. Il primo, e forse più atteso, punto toccato da Sarri è stata la sua voglia di dare alla squadra un'identità forte, soprattutto nei primi 70 metri di campo, identità che dovrà aiutare i suoi uomini a portare a casa gli obiettivi stagionali. Parlando di Ronaldo, Sarri ha voluto sottolineare che nella sua carriera il portoghese ha sempre dato il meglio partendo defilato sulla sinistra, quindi è possibile che nel nuovo tridente juventino il numero 7 vada ad occupare proprio la casella laterale, lasciando lo spazio centrale ad un centravanti che quasi sicuramente non sarà Gonzalo Higuain. Passando invece alla difesa Sarri ha risposto in maniera decisamente secca a chi, nei giorni scorsi, ha ventilato l'ipotesi di vedere una Juventus con una linea a tre dietro. Ad una precisa domanda il tecnico ha replicato: "Difesa a tre? mai". Quindi ormai si può dare per acclarato che lo schema su cui si fonderà questa nuova Juventus sarà il 4-3-3.

Tra gli svariati punti toccati l'attesa più alta del popolo bianconero è certamente rivolta verso il primo menzionato sopra. Dopo il vincente quinquennio targato Allegri ora i tifosi juventini si aspettano di continuare a vincere ma con una certa discontinuità, per non dire rivoluzione, dal punto di vista tattico e del gioco. Ad un evento collegato alla tournée estiva bianconera, Pjanic ha parlato di un gioco veloce, basato su uno-due tocchi al massimo, caratteristica che Sarri aveva già fatto vedere nel suo triennio partenopeo, attirando gli elogi di moltissimi addetti ai lavori anche al di fuori dei confini italiani. Ora in molti si aspettano di rivedere quella stessa tipologia di gioco spumeggiante anche all'ombra della Mole. Certamente non sarà facile vederlo applicato correttamente già questo pomeriggio, vista la mancanza del tempo sufficiente per apprendere certi automatismi, tuttavia vista la qualità dei giocatori messi a disposizione di Sarri ci si aspetta di vederne già qualche lampo.

Un altro motivo di discreto interesse è certamente l'inserimento dei nuovi acquisti. Tralasciando Ramsey, rimasto a Torino per smaltire gli ultimi postumi del suo infortunio, nella tournée che inizia oggi saranno presenti, oltre al rientrante Higuain, i nuovi arrivati de Ligt, Demiral e Rabiot. Per quanto riguarda l'olandese, Sarri è stato chiaro sul fatto che giocherà uno spezzone di partita nonostante abbia svolto pochissimi allenamenti con i compagni di squadra. Il francese dovrebbe invece partire titolare, così come il turco, che dovrebbe comporre la coppia centrale con Bonucci. Non ci stupiremmo infine se nell'undici di partenza al centro dell'attacco ci fosse invece Gonzalo Higuain. Le strade dell'argentino e della Juventus sembrano in procinto di separarsi di nuovo, in attesa del nuovo centravanti bianconero, ma fino a quel momento il Pipita proverà a far cambiare idea alla dirigenza bianconera, cercando di convincerli di poter essere utile al nuovo corso.

Un argomento caldissimo non toccato però durante la conferenza stampa è quello legato a Joao Cancelo. Nelle ultime ore sta girando su internet un video di un allenamento in cui l'esterno portoghese pare essere decisamente svogliato, con esercizi eseguiti a ritmi blandissimi ed in maniera non proprio esemplare. Il primo collegamento logico fatto riporta alle voci di mercato che, fino a qualche settimana fa, lo volevano lontanissimo dalla Juventus e vicino ad indossare la divisa del Manchester City. Difficile però che da un video di pochi secondi si possa capire realmente lo stato d'animo di una persona, più facile trarre indicazioni da quella che sarà la sua prestazione odierna. Anche perché la società, ermetica come non mai, difficilmente rilascerà dichiarazioni e/o comunicati in merito.

Insomma per essere una semplice amichevole estiva la carne al fuoco sembra essere certamente già tanta, ora toccherà al nuovo capo-cuoco Sarri farla cuocere al punto giusto.

Luca Tonazzini

diLuca Tonazzini

CLASSE '83, NASCE ALL'OMBRA DELLE CAVE DI MARMO. APPASSIONATO DI STEPHEN KING, QUANDO NON È IMPEGNATO IN DEGUSTAZIONI DI MOJITO SI DIVIDE TRA LIBRI, CINEMA E CALCETTO. ARBITRO, GIOCATORE ED ORGANIZZATORE DI TORNEI VIVE LA VITA GUARDANDOLA DAL LATO SINISTRO DEL CAMPO.


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!