Nuova sfida per José Mourinho. Lo special one, dopo essere subentrato all'esonerato Mauricio Pochettino, si ritrova all'ennesima nuova stagione della sua carriera. Come in tutte le sue squadre, i dettami tattici passano in secondo piano rispetto a personalità, gruppo e voglia di vincere. Un must che da sempre è stato croce e delizia del portoghese, autore di vittorie impensabili o di sonore batoste. Il Tottenham di quest'anno sembrava partire a fari spenti, soprattutto per quanto concerne il mercato. Una situazione ideale per chi ha sempre vissuto di sfide, voglioso di far ricredere il mondo, puntando sull'orgoglio e la grinta. Così, gli Spurs, piazzano un uno due da urlo: dentro Reguilon e Gareth Bale dal Real Madrid. Due acquisti che risollevano la squadra e la mettono -quasi- sullo stesso livello di City e Liverpool. Da Son a Hojbierg , da Kane a Moura, passando per i mastini Sissoko e Ndombele, Mourinho avrebbe il materiale umano per condurre al meglio questa ennesima crociata, a patto che prima della fine del mercato, la società riesca a puntellare una difesa ballerina, ancor più debole rispetto alle passate stagioni.

SKY-VIDEO
Contenuto non disponibile

Come gioca il Tottenham di Mourinho

Il Tottenham di José Mourinho si schiera con un 4-3-3 equilibrato. In porta Lloris è un vero leader difensivo. Difesa a 4 con il neo arrivato Reguilon a sinistra, Dier e Alderweireld al centro, con Davinson Sanchez pronto a subentrare quando bisognerà mostrare i muscoli. A destra il neo acquisto Doherty si giocherà un posto da titolare con Aurier. Al centro del campo Hojbierg e Sissoko dovrebbero essere la coppia designata, con Winks, Ndombele e Lo Celso che saranno più che semplici riserve, con Alli che sembra non essere più al centro del progetto dell'allenatore. In avanti, sulla destra, in attesa di Gareth Bale,  Lucas Moura, Bergwijn e Lamela si giocheranno un posto, con l'imprescindibile Son a sinistra ed Harry Kane al centro. Il capitano inglese sarà l'attaccante principe, l'uomo che calamiterà ogni pallone che la squadra giocherà nella trequarti avversaria. In caso di sua assenza, Lucas Moura ha già interpretato in modo eccelso il ruolo da prima punta, anche se con caratteristiche decisamente differenti rispetto all'uragano inglese. Mentre difficile pensare ad un ingresso dell'ex Napoli Vinicius. Lo special one potrebbe  dare più volume offensivo alla squadra, a quel punto ecco apparire un 4-2-3-1 con i medesimi interpreti, con Lo Celso che agirebbe da trequartista, con Son e Bale/Moura ai lati.

Probabile Formazione Tottenham

Lineup Fantacalcio.it

Ballottaggi, rigoristi e tiratori Tottenham

Ballottaggi: Alderweireld/D.Sanchez; Doherty/Aurier; Hojbierg/Winks; Lo Celso/Alli; Bale/Lucas Moura.

Rigoristi: Kane; Son; Bale.

Tiratori: Kane; Bale; Lo Celso. 

Euroleghe, quali calciatori comprare del Tottenham?

Dalla trequarti alla prima punta, troviamo il vero punto di forza di una squadra partita a fari spenti ma che potrebbe far ricredere gli addetti ai lavori.

Sergio Reguilon

Ennesimo terzino uscito dal Real Madrid che ha dovuto trovare fortuna altrove. Lo spagnolo spinge come un'ala, entra dentro il campo come una mezzala e regala passaggi smarcanti da vero trequartista, oltre a saper battere i portieri avversari. Va a colmare un buco molto grosso sul lato sinistro di Mourinho, trasformando quello che fino ad oggi era considerato un vero e proprio punto debole, in un grande punto di forza. Assolutamente un top di lista, sia Classic che Mantra che non potrete assolutamente lasciarvi sfuggire. 

Heung Min Son

Una spada da trafiggere in ogni difesa. Il sudcoreano è la punta esterna per eccellenza. Grande tecnica, eccelso controllo di palla in corsa e tiro secco e preciso. Lo scorso anno per lui goal e assist a ripetizione. Da attenzionare il discorso espulsioni, due rossi per un attaccante sono decisamente troppi. Per chi gioca al Mantra, dopo gli inarrivabili Messi e Salah, resta una delle A più interessanti del listone.

Harry Kane

Due stagioni, due brutti infortuni. L'uragano deve scrollarsi di dosso questa brutta escalation di problemi fisici che lo hanno tenuto fuori per tanto, troppo tempo. Temuto finalizzatore, attaccante completo, il capitano dell'Inghilterra può castigare il portiere avversario di destro, sinistro, di testa e su calcio piazzato. Ha visione periferica per mandare in porta le frecce di Haringey. Prenderlo significherà avere uno dei protagonisti assoluti di questa annata fantacalcistica e vi porterà nella magica dimensione delle Euroleghe fantacalcio.

Euroleghe, quali calciatori non comprare del Tottenham?

Se il punto di forza della squadra lo troviamo in avanti, dietro abbiamo il vero tallone d'Achille degli Spurs. Una squadra lenta, sbadata e senza alcun concetto tattico. 

Eric Dier

Il ragazzo di Chelthenam torna alle origini. Difensore centrale di impostazione così come quando ha iniziato a giocare nelle giovanili dell'Everton. Regista difensivo che dovrebbe portare qualità già dalle retrovie ma che di fatto non ha fisico e tempi da difensore centrale. Quel che è peggio è che i suoi compagni di reparto, pur essendo difensori puri, hanno meno nozioni del buon Dier. Per lui si prospetta un lungo e difficoltoso campionato e noi non abbiam certo voglia di imbarcarci in una simile situazione. 

Davinson Sanchez

La nostra poca fiducia nei suoi confronti è risaputa. Difensore maestoso fisicamente che puntualmente si perde quando l'avversario inizia a muoversi con movimenti tattici che, il buon Davinson, proprio non riesce a leggere. Mourinho lo ha subito messo da parte, segno evidente che il nostro, nei suoi confronti, non è un accanimento ingiustificato.

Giovani Lo Celso

Giocatore dalle indubbie qualità, grande tecnica, visione di gioco e buon tiro. L'inspiegabile cessione del Psg al Betis aveva creato scalpore, fino al definitivo acquisto da parte degli Spurs. Il ragazzo, come detto precedentemente, ha molte doti, ma spesso si perde, non riuscendo a incanalarle all'interno della partita. Lo scorso anno spesso acciaccato, mai in goal, anche in questo inizio stagione parte con un fastidioso infortunio. La concorrenza nel suo ruolo è tanta e al primo errore potrebbe tornare a sedersi in panchina.