Nemiche giurate negli anni 80, una rivalità sempre forte successivamente. Ma anche tante operazioni di mercato fatte e altrettante saltate. Roma e Juventus si sfidano all’Olimpico alla seconda di Campionato come nella stagione 2009-2010. Vinse la Juve 3-1, lasciando credere che Ferrara, Diego e Felipe Melo avrebbero aperto un ciclo. E che la Roma di Spalletti non potesse lottare ad alti livelli. La Roma di Spalletti divenne poi la Roma di Ranieri che sfiorò una rimonta epica, ma alla fine fu triplete Inter. E la Juventus funzionante e perfetta, praticamente, finì quel giorno prima di cominciare con Conte, un anno dopo. Una cavalcata innarrestabile.

Unite dal mercato si diceva. Perché negli ultimi anni Pjanic e Szczesny sono finiti a Torino, Spinazzola e Pellegrini sono stati scambiati, Bernardeschi e Rugani più volte offerti ma l’ultima trattativa, interrotta sul più bello, è stata quella per Edin Dzeko. Il cigno di Sarajevo avrebbe potuto giocarla con la Juve e invece cercherà di incrementare il suo ultracentenario bottino con la Roma. Dopo Chelsea e Inter, un’altra squadra voleva strapparlo alla Capitale, ma ancora una volta Dzeko è rimasto.

Con che spirito, umore e voglia, non è dato sapere, ma il campo lo rivelerà ben presto. La Roma è stata soprattutto Kolarov e Dzeko negli ultimi anni. Kolarov è all’Inter e Dzeko dovrà affidarsi ad altri soci per risollevare una Roma, societariamente in totale confusione come dimostrano sia il mercato che la penosa vicenda di Verona. Tanti tifosi della Roma sono appesi a Dzeko ma anche tanti fantallenatori. Nelle aste cui ho partecipato fino ad oggi, Dzeko non è stato neanche tra i top 10 per prezzo di vendita. Un enorme punto interrogativo. Che proverà, come il giorno del suo esordio in campionato all’Olimpico, a battezzare di nuovo la porta della Juve.

Buon divertimento e buon fantacalcio a tutti!