La partita è di quelle storiche. E se il mondo non avesse preso un'altra direzione, questa sera, al Gewiss Stadium i tifosi sarebbero stati certamente, come si suol dire in questi casi, il 12esimo uomo in campo. 

Ma c'è una pandemia in corso, e Atalanta - Real Madrid non può giocarsi come se nulla fosse accaduto. Non oggi, non certamente a Bergamo. 

E' per questo che il direttore generale dell'Ats di Bergamo, Massimo Giupponi ha scritto una lettera ai tifosi dell'Atalanta pubblicata da l'Eco di Bergamo. 

Cari tifosi Atalantini, la giornata storica che stiamo per vivere sportivamente parlando, che vede la nostra Atalanta incontrare l’icona del calcio Real Madrid, è un’occasione di orgoglio, gioia e partecipazione sportiva che ci ricorderemo sempre.

Accompagniamo i nostri calciatori nerazzurri idealmente con il sostegno della nostra vicinanza e col calore che loro meritano e noi sappiamo regalare, ma con la prudenza che il momento storico ci richiede, evitando assolutamente la presenza fisica allo stadio e nelle sue vicinanze: teniamo ben presente il pericolo di contagio di quel virus che stiamo combattendo con tutte le nostre forze e capacità.