Llorente candidato al calciobidone
Llorente candidato al calciobidone

Quando sei bello, la vita è decisamente più facile: se poi sei un calciatore e la squadra in cui giochi arriva a sorpresa in una finale anche grazie ai tuoi gol, nemmeno l’età avanzata è un ostacolo per trovare una sistemazione di alto livello. Fernando Llorente è il giocatore ideale che risponde a questo identikit: da bomber di riserva (di Harry Kane) è riuscito a trascinare il Tottenham alla finale di Champions, salvo poi trovarsi svincolato a fine anno. Una lunga trattativa estiva porta Fernando a Napoli, squadra ammaliante che gli consente di tornare in Serie A quattro anni dopo la fine della storia con la Juventus.

Lo spagnolo accetta il ruolo di comprimario, diventando la punta alta di riserva di una squadra a trazione anteriore, ma con qualche difficoltà nello spogliatoio. Il malcontento di giocatori come Allan e Insigne sfocia in un duro confronto con la proprietà e a farne le spese è Ancelotti, reo di non essere riuscito a gestire lo spogliatoio in un momento difficile (insieme al ruolo del figlio). Il tecnico schiera spesso Fernando, e volentieri solo per brevi spezzoni di gara. L’arrivo di Gattuso lo relega alla panchina e dopo il lockdown un non meglio precisato infortunio lo porta ad un’inesorabile esclusione dall’orbita del calcio che conta.

Nonostante l’interesse del Benevento e di qualche timido sondaggio da parte dello Spezia, Llorente rimane a Napoli anche dopo l’estate, diventando un caso. Una bella gatta da pelare per Gattuso, mentre la carriera del bel Fernando rischia di imbruttirsi a causa di un brutto, bruttissimo 2020. IMBRUTTITO.