Con la sua Ungheria ha firmato l'impresa di giornata agli Europei fermando i campioni del mondo della Francia, dopo aver sognato il clamoroso successo, e il ct dei magiari Marco Rossi nel postpartita non ha nascosto l'emozione per la storica prestazione dei suoi.

Ungheria, la gioia di Rossi

"Una tifoseria così non ce l'hanno neanche i campioni del mondo e d'Europa. Sono emozionato, oggi è stato uno dei migliori giorni della mia carriera, ma non ci vuole molto. Io un palcoscenico così l'ho visto solo in tv, a 56 anni mi pare di essere un bambino al Luna Park. Poi, come i bambini, quando sei al Luna Park vuoi giocare".

Ungheria, altra impresa con la Germania?

"Non sono così stupido e arrogante da dire 'andiamo a vincere a Monaco'. Andremo lì per fare la nostra partita e tenere i piedi per terra, ma per me questo è un giorno speciale. Se il caldo per noi non è stato un problema? Succede perché noi siamo abituati a soffrire e lottare, è la storia del mondo, chi ha talento arriva in vetta con poco sforzo perché Dio lo ha benedetto. Invece chi ne ha meno come me e qualcuno dei miei deve lottare con unghie e denti per un posto al sole".

Marco Rossi (Getty Images)
Marco Rossi (Getty Images)