Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Sky per commentare la vittoria dell'Europeo e non solo. Queste le sue parole.

SKY-VIDEO
Contenuto non disponibile

Sull'euforia generale

"Sono felicissimo, ci stiamo godendo ogni attimo, sono passati 50 giorni e sono volati, davvero incredibile. Tormentone napoletano? E' partita da Ciro Immobile, da quel momento ci sono venuti dietro tutti, anche i calciatori non napoletani. Devo realizzare quello che ho fatto, la mia forza è stata sempre questa, la famiglia e i miei amici. Sono felice di rivederli tutti. Eroe? Forse si, non ci credo ancora

Sul Milan

"In questi giorni parlerò di tutto, posso dire che sarò sempre legato al Milan, adesso mi godo la festa con la nazionale, poi penso alla vacanza. Ringrazio tutti per il grande affetto, sarò sempre un tifoso del Milan, auguro tutto il bene di questo mondo ai rossoneri".

Sulla serenità

"Ho diversa esperienza, da 4 anni a questa parte ormai. Sono maturato tanto e sono felice di essere arrivato qui. Essere sereno e tranquillo è una mia forza, la trasmetto ai miei compagni e questo conta. Provo sempre a mantenere la calma".

Sull'esultanza sul rigore decisivo

"Esultanza sul rigore? Non avevo capito che avevamo vinto. Ero a terra sul rigore di Jorginho, pensavo avessimo perso. Quando ho visto tutti correre verso di me, guardavo l'arbitro, e poi ho capito che era successo per davvero".

Donnarumma (Getty Images)
Donnarumma (Getty Images)