Ci siamo: Euro 2021 sta per cominciare. E con esso, il tanto atteso Fantaeuropeo. Con un anno di ritardo rispetto alla tabella di marca iniziale, per i motivi che tutti conosciamo. Ma con lo stesso entusiasmo di sempre. Gli appassionati delle competizioni tra Nazionali e i fantallenatori in questi giorni si stanno chiedendo: quali sono e saranno (almeno sulla carta) i giovani più importanti che prenderanno parte alla kermesse? Chi può sbaragliare la concorrenza al netto della fredda cifra sulla sua carta d'identità? Ecco dunque la Top 11 degli Under 23 che giocheranno a Euro 2021, scelti tra coloro che avranno innanzitutto le maggiori chance di scendere in campo con più frequenza da titolari.

I migliori Under 23 di Euro 2021: chi prendere al Fantaeuropeo?
 

PORTIERE

GIANLUIGI DONNARUMMA - E' stata una stagione dai continui sali e scendi per lui: l'esaltazione dei tifosi, un girone d'andata super, qualche ombra negli ultimi mesi, la rottura col Milan e i suoi sostenitori fino all'addio di questi giorni, col futuro ancora da scrivere. Gli aspetti extra campo possono condizionarlo? Macché: centralissimo per la spedizione guidata da Mancini, una sicurezza tra i pali con ottimi dati in carriera su clean sheet e anche sui rigori parati.

DIFENSORI

  • REECE JAMES - Terzino destro titolare dell'Inghilterra, la compagine di gran lunga più imbottita di talento ai nastri di partenza. Fresco vincitore della Champions League con la maglia del Chelsea, il classe 1999 non è un'autentica macchina da bonus ma in compenso offre una continuità di rendimento importante per un elemento della sua età. Dall'Under 18 ha completato l'intera trafila e ora è pronto per il primo vero torneo con i "grandi" da leader nelle gerarchie del suo ruolo;
     
  • JOE RODON - Probabilmente il nome meno "brillante" e conosciuto dell'undici che vi proponiamo, ma fidatevi: questo classe 1997 può fare davvero ottime cose. Centrale della difesa a tre del Galles, non un titolare nel Tottenham ma specie allo Swansea ha mostrato il suo notevole talento. Da due anni ormai è un riferimento della sua Nazionale;
     
  • MATTHIJS DE LIGT - Pronto per scrivere la storia presente e futura della Juventus. Dall'alto dei 75 milioni di euro sborsati per portarlo a Torino, il classe 1999 è sempre più leader della Vecchia Signora e al fianco di De Vrij si appresta a comporre una coppia 'italiana' di enorme rispetto, tra le più quotate e solide dell'intero panorama continentale.
De Ligt (Getty)
De Ligt (Getty)

CENTROCAMPISTI

  • MASON MOUNT - Altro campione d'Europa in carica col Chelsea, qui il livello sale anche dal punto di vista delle realizzazioni: 13 centri nelle ultime due Premier League a Londra, è il classico tuttofare della mediana di Southgate. Classe 1999, può essere una delle più gradite sorprese dell'Europeo;
     
  • JUDE BELLINGHAM - Non gioca in Inghilterra ma al Borussia Dortmund, eppure non ha mai smesso di attirare su di sé i riflettori britannici. A 17 anni sarà nello scacchiere di partenza della sua Nazionale: semplicemente pazzesco. Merito in primis dell'esplosione dirompente avuta coi gialloneri: alla prima annata tedesca, ha trovato il gol in tutte le competizioni, nazionali e internazionali;
     
  • PHIL FODEN - Il figliol prodigo di Guardiola è cresciuto incredibilmente negli ultimi mesi, arrivando a trascinare il Manchester City verso la finale (poi persa) di Champions. Poco male: siamo di fronte a uno dei 2000 più completi e tecnicamente validi in assoluto. E occhio alla sua posizione in campo: potrebbe giocare da esterno nel tridente, listato da centrocampista è un affarone;
     
  • KAI HAVERTZ - Esattamente ciò che serviva alla Germania: un gioiello giovanissimo ('99) che fungesse da apripista per un ricambio generazionale doveroso e necessario. Lui la Champions non solo l'ha vinta, ma ha anche siglato il gol decisivo in finale. Culminando così una stagione di alto profilo, la prima al Chelsea che l'ha pagato 70 milioni di sterline per strapparlo al Bayer Leverkusen.

ATTACCANTI

  • MARCUS RASHFORD - La spalla ideale per un centravanti di peso come Kane: guizzi in velocità, assist, lucidità sotto porta, maestro del dribbling e del gioco di prima e nello stretto. Come Donnarumma, sembra che giochi da tempo immemore nel suo campionato ma in realtà non ha ancora compiuto 24 anni. Colonna del Manchester United, conta già ben 12 gol con la Nazionale maggiore (5 nelle ultime 6 presenze): dato emblematico e assolutamente da attenzionare.
     
  • JOAO FELIX - Col trasferimento dal Benfica all'Atletico Madrid, il talento classe '99 ha leggermente abbassato (com'era prevedibile) la sua prolificità in termini di reti collezionate, ma resta una delle stelle della kermesse. Al fianco di Ronaldo e di uno tra Jota e Bernardo Silva può sbaragliare le sorti di un girone iper-competitivo.
     
  • KYLIAN MBAPPE' - Beh, che altro aggiungere? Fenomeno vero, pontenziale Pallone d'Oro, campione del mondo in carica, punta di diamante della Francia che, con il "ripristino" di Benzema nel ruolo di nove puro, vedrà lo spostamento della stella del Psg sull'esterno. Lì dove, probabilmente, garantisce persino più pericolosità offensiva e invenzioni da capogiro.