SHARE

Milan, Giampaolo: "Piatek non è un caso. Bonaventura potrebbe giocare domani"

Le parole del tecnico rossonero


|

Domani il Milan si scontrerà con il Torino, Giampaolo vuole un riscatto: "La percezione dei tifosi la posso immaginare ed è di delusione dopo la sconfitta nel derby. Abbiamo il dovere di ripartire e rialzarci. La squadra ha saputo mettere da parte le delusioni, ma ora dobbiamo reagire e non lasciarci sconfiggere".

Sull'avversario,  il Torino: "E' una squadra ostica, ma a prescindere della forza dell'avversario il Milan deve fare la sua partita. Dobbiamo migliorare il palleggio, abbassare la percentuale di errori nei passaggi, legare il gioco, fare tante cose meglio. Abbiamo giocato sabato, e giochiamo domani, farò scelte in funzione dell'avversario e non per il turnover".

In difesa di Piatek: "No, non è un caso deve solo lavorare e dobbiamo migliorare nella fase offensiva per metterlo nelle condizioni migliori".

Suso può fare il trequartista: "Sabato è tornato a giocare a destra dopo un quarto d'ora e abbiamo giocato con Suso, Piatek e Leao, con tre attaccanti puri. A me Suso piace anche da trequartista, ma voglio mettere i giocatori nelle loro posizioni in base alle caratteristiche. Ma oltre Suso devo mettere a posto gli altri, perché Rebic ha caratteristiche diverse rispetto agli altri".

Dubbi: "Bennacer o Biglia, Hernandez o Rodríguez. Bonaventura sta molto meglio, anche domani potrebbe ritagliarsi uno spazio. Può fare l'ala, la mezz'ala, il trequartista".