Le difficoltà di un campionato ancora più competitivo sulla strada per confermare il tricolore, e l'Empoli alla ripresa del torneo con due soli giorni di lavoro con i reduci dalla Nazionali: Stefano Pioli intervenendo al Premio Nereo Rocco parla dell'attualità rossonera e mette in stand-by ogni discorso relativo al suo rinnovo con il Milan.

Milan, Pioli sul momento dei rossoneri

 "Stiamo provando a migliorare ancora il nostro livello e credo che stiamo facendo bene ma che le difficoltà in campionato siano evidenti, nel senso che è un campionato molto livellato tra squadre forti che lotteranno fino alla fine e vogliamo rimanere nel gruppo che lotterà fino alla fine. Milan-Napoli? Abbiamo fatto una prestazione di alto livello ma il fatto di non aver fatto punti significa che in alcune situazioni dobbiamo e possiamo fare ancora di più".

Milan, Pioli sul rinnovo e sui prossimi impegni

"Io al Milan mi sento a casa e quando uno si sente a casa uno non vorrebbe prendere in considerazione altro. Abbiamo ancora tante cose da fare ma non sono assolutamente preoccupato per il mio contratto né per il mio futuro. Continuo a credere che non c'è tanta differenza tra giocare bene in Italia e in Europa o che la Serie A non sia allenante. La Champions richiede un ritmo molto alto, ma niente di impossibile. Se ci manterremo ai nostri livelli anche le sfide con il Chelsea sono alla nostra portata. Chelsea e Juventus? la partita più difficile sarà sicuramente quella di Empoli: non voglio mettere le mani avanti ma ritroverò i giocatori a due giorni dalla sfida e la sfida di Empoli è molto delicata. Quelle tre sfide sono scontri diretti ma noi abbiamo un livello alto e siamo una squadra forte, dobbiamo trovare però continuità di risultati per competere".