Ajdin Hrustic, nuovo centrocampista del Verona prelevato a titolo definitivo dall'Eintracht Francoforte, ha parlato in conferenza stampa presentandosi alla piazza.

Intervista a Hrustic

Com'è nata la trattativa che l'ha portata qui?
"Il Verona mi ha contattato per la prima volta a gennaio, poi c'è stato un ritorno di fiamma in estate: ho avuto un'ottima sensazione, e questa è la ragione per cui ho accettato la proposta".

Come si descriverebbe?
"Sono un centrocampista offensivo di piede sinistro. Mi piace avere il pallone tra i piedi, sono bravo sui calci piazzati e nei rigori. Voglio dare una grande mano alla squadra".

Sostituirà Barak?
"Ogni giocatore ha le sue caratteristiche. Siamo entrambi mancini e so quanto abbia fatto bene nel Verona negli ultimi anni, ma sono sicuro che porterò altre caratteristiche".

Ha vinto l'Europa League: perché ha scelto il Verona?
"Il successo con l'Eintracht appartiene al passato: quello che conta per me è giocare e sentirmi al centro del progetto, ed è la sensazione che ho avuto qui sin dal primo giorno".

Debutto?
"Mi sarebbe piaciuto ottenere i tre punti, anche se sono contento di aver giocato per una ventina di minuti. Arrivavo da un piccolo infortunio, ora sto bene fisicamente. Contro la Samp i tifosi sono stati fantastici, il nostro dodicesimo uomo: un aspetto che ci aiuterà molto nel prosieguo della stagione, così com'è stato lo scorso anno all'Eintracht".

Mondiali?
"Il mio primo obiettivo è essere pronto fisicamente al 100%. Voglio stare bene fisicamente e ragionare di settimana in settimana, senza guardare troppo avanti".