La sconfitta con il Sassuolo ha certificato la crisi della Lazio, una situazione negativa che si trascina dallo 0-3 contro il Milan e che il Presidente Lotito non ha più intenzione di far passare come accettabile.

 

Il patron biancoceleste ieri si è presentato a Formello e ha preteso spiegazioni per il crollo della squadra, tenendo poi un colloquio privato con Inzaghi a cui hanno partecipato anche Tare e Peruzzi. A quanto pare, è stato solo il primo di una serie di incontri: Lotito vuole confrontarsi con tutte le componenti della Lazio e vederci chiaro su preparazione atletica, staff medico, nutrizione (aspetto che aveva già sollevato qualche polemica), rotazione dei calciatori e motivazioni. Nei prossimi giorni andranno avanti questa sorta di Stati Generali biancocelesti, con cui Lotito vuole tamponare l'emergenza, ripartire e soprattutto programmare la prossima stagione, in cui gli impegni saranno sì ogni tre giorni, ma uno si chiamerà Champions League.

La sconfitta con il Sassuolo ha certificato la crisi della Lazio, una situazione negativa che si trascina dallo 0-3 contro il Milan e che Lotito non ha più intenzione di far passare come accettabile. C'è bisogno di ripartire e di conquistare almeno 4 punti nelle ultime partite per mettere al sicuro la qualificazione in Champions League.

Il patron biancoceleste ieri si è presentato a Formello e ha preteso spiegazioni per il crollo della squadra, tenendo poi un colloquio privato con Inzaghi a cui hanno partecipato anche Tare e Peruzzi. A quanto pare, è stato solo il primo di una serie di incontri: Lotito vuole confrontarsi con tutte le componenti della Lazio e vederci chiaro su preparazione atletica, staff medico, nutrizione, rotazione dei calciatori e motivazioni. Nei prossimi giorni andranno avanti questa sorta di "Stati Generali" biancocelesti, con cui il patron vuole tamponare l'emergenza, ripartire e soprattutto programmare la prossima stagione.