Alessio Cragno, portiere del Cagliari, ha rilasciato un'intervista ai taccuini de La Gazzetta Dello Sport. Queste le sue dichiarazioni, tra mercato e presente.

SKY-VIDEO
Contenuto non disponibile

Sul Cagliari

Da ragazzino ero abbonato alla Fiorentina. Ora la mia big è il Cagliari e giuro che penso solo a questo club che ha deciso di alzare l’asticella e ha appena avviato un progetto importante. Perchè non decolliamo? Perché c’è stato un profondo cambiamento. Innanzitutto l’allenatore nuovo, perché ci sono molti giovani. E’ chiaro che dobbiamo andare meno volte in svantaggio e lavorare per essere meno altalenanti. Ma stiamo crescendo. Ho fiducia perchè c’è un tecnico come Eusebio Di Francesco che ha un’idea precisa del calcio che vuole. Vuole alzare l’asticella, come il club. Cerca di ottenere da te sempre il massimo e non si accontenta mai”.

Sulla nazionale

“È il mio sogno. C’è concorrenza, tanta, ma facendo bene col Cagliari posso arrivarci. Silvestri? Le statistiche sono indicative. Comunque lui è un portiere completo e mi ha colpito la grande spinta”.

Sulla difesa del Cagliari

“Walu ha forte personalità e senso della posizione, parla poco, ma c’è sempre. Godin è un leader nato. Un professionista serio che cura i particolari. Fa bene al gruppo”.

Cragno 8Getty Images)
Cragno 8Getty Images)