Se l’intenzione della FIGC è quella di portare a termine il campionato di Serie A femminile, sono invece spaccati sulla ripartenza i club di massima serie. A fare il punto sullo stato delle cose in vista del possibile riavvio della stagione è Sky Sport: si chiama Fondo salva-calcio ed è l’intervento diretto in favore dei club, compresi quelli femminili, a cui verranno destinati 700.000 euro.

Serie A femminile, i nodi restano protocollo e mercato

Fatti due conti, circa 50mila euro per ogni società, che dovranno servire ad aiutare la ripresa: andrà nelle casse delle società solo se si ricomincerà a giocare. Tante le perplessità dei club, per una Serie A divisa: 8 squadre vogliono tornare a giocare, 4 no. Diversi i temi di discussione: dalla contrarietà dei medici sportivi, preoccupati da non riuscire a rispettare i protocolli, alla gestione delle responsabilità, tanto che alcuni medici hanno già scelto di dimettersi, al mercato, con le altre leghe che hanno già chiuso i campionati e la sola Germania che finirà a breve, entro il normale termine del 30 giugno. Non una situazione semplice: l’8 giugno la giornata decisiva per un ritorno in campo a luglio, come previsto. Con altri rinvii, la ripresa diventerebbe davvero complicata.