La Roma cambia portiere dopo alcune stagioni decisamente difficili. Portoghese come l'allenatore Mourinho, è approdato a Roma Rui Patricio, estremo difensore della nazionale lusitana, che vuole regalare al popolo romanista quella sicurezza che si era persa nelle ultime stagioni. 

Chi è Rui Patricio

Rui Pedro dos Santos Patricio, meglio noto solo come Rui Patricio, è nato a Marrazes il 15 febbraio 1988. Nella città portoghese è stata edificata nel 2016 una statua che raffigura la sua parata decisiva su Griezmann per la vittoria dell'Europeo da parte del Portogallo.

Rui Patricio ha iniziato il suo percorso nel vivaio del Lieria prima e del Mazzares poi, prima di passare al blasonato Sporting Lisbona. E' arrivato nella prima squadra nel 2006; gioca, cresce e diventa un istituzione del club lusitano, oltre che primatista di presenze del club portoghese nelle competizioni europee (93).

Cambia vita nel 2018, passando al Wolverhampton con un contratto quinquennale, indossando l'insolito numero 11 per rispetto di Carl Ikeme, lasciando libera la numero 1 del portiere ritiratosi per una grave forma di leucemia. Quest'estate è invece passato alla Roma per 11 milioni e mezzo di euro, ed è partito già alla grande nella sua nuova avventura.

E' ricco il suo palmares: in nazionale vanta la vittoria dell'Europeo e della Nations League, mentre con i club ha vinto 3 coppe di Portogallo, 3 supercoppe di Portogallo e 1 coppa di Lega portoghese.

Il ruolo di Rui Patricio

Rui Patricio è un portiere completo con piedi buoni, visto che a inizio carriera giocava come attaccante. Una qualità che nel calcio moderno lo rende perfetto per la costruzione della manovra, cosa che piace anche allo Special One Mourinho.

Oltre a questo, però, Rui Patricio abbina delle ottime doti fisiche e atletiche, oltre che buonissimi riflessi che lo rendono molto efficace tra i pali. Tra le sue caratteristiche peculiari, spicca anche una discreta propensione a parare i calci di rigore.

Perché comprare Rui Patricio al Fantacalcio

Perché è un portiere di sicuro affidamento, che sarà uno dei migliori dell'intera Serie A, come dimostrato già dalle prime uscite in campionato e Confederations Cup. Non ha disputato un Europeo da assoluto protagonista, ma in maglia giallorossa sta già facendo vedere di che pasta è fatto e di quanto possa incidere nella buona sorte della squadra di Mourinho.

Già, Mourinho. Anche questo è un fattore da non dimenticare quando andrete a scegliere il portiere della vostra fanta-rosa. Le squadre del portoghese propongono gioco ma sanno anche difendersi molto bene, e quindi anche la Roma alla lunga potrebbe subire pochi gol durante l'intero campionato di Serie A.

Perché non comprare Rui Patricio al Fantacalcio

Difficile trovare un motivo che possa portare a sconsigliare l'acquisto di Rui Patricio. L'unico è "strategico", qualora non vogliate spendere troppo per il portiere lasciandovi crediti per i reparti che portano maggiori bonus.

RUI PATRICIO, LE STATISTICHE

Rui Patricio è alla terza grande avventura di club della sua carriera. Portogallo, Inghilterra e adesso Italia. Allo Sporting Lisbona ha giocato la bellezza di 446 partite, con 448 gol subiti e addirittura 182 clean sheet. Numeri quasi da capogiro, leggermente peggiorati (ma bisogna tarare il livello della squadra) in Premier League. Quando ha difeso i pali del Wolverhampton, il portiere portoghese è sceso in campo 127 volte, subendo 151 gol e chiudendo a doppia mandata la porta "soltanto" 37 volte. In nazionale gli mancano solo tre gare per arrivare a quota 100.

LA FANTASCHEDA DI RUI PATRICIO

Valore assoluto del calciatore: 3,5/5

Valore fantacalcistico dell'acquisto: 4/5

Continuità: 5/5

Potenziale titolarità: 5/5

Resistenza agli infortuni: 3,5/5

Tendenza al bonus in proporzione al ruolo: 3,5/5