Ad un passo dal sogno, il PSG ha visto svanire l'obiettivo Champions League proprio sul più bello, battuto in finale da un Bayern Monaco troppo più squadra rispetto ai parigini. Una squadra, quella di Parigi, che nonostante i tanti milioni spesi non riesce a trovare quell'unione di intenti che i campioni dovrebbero avere nel loro dna. In campionato la storia cambia, il Paris Saint Germain è leader incontrastato e, pur viaggiando a corrente alternata, riesce sempre a mettere in rete uno, due, tre goal in più rispetto all'avversario. Neymar, Mbappe, lo stesso Di Maria ed anche Icardi, sono tutti calciatori potrebbero superare i 18 goal in stagione. Il campionato dopo un inizio tribolato sta prendendo la solita piega, con gli assi parigini a farla da padrone. Arrivati Florenzi, Rafinha, Pereira e Kean, il PSG ha aggiunto (forse per la prima volta) giocatori funzionali alla causa, piuttosto che nomi altisonanti da sfoggiare sugli almanacchi.

SKY-VIDEO
Contenuto non disponibile

Come gioca il Paris Saint Germain di Tuchel

Il PSG di Tuchel scende in campo con un classico 4-3-3. In porta Navas ha dato sicurezza e solidità. In difesa il neo arrivato Florenzi è già stato schierato in campo dal tecnico tedesco; al centro Kimpembe e Marquinhos, con il capitano che spesso agisce da centrocampista davanti alla difesa -e con ottimi risultati-. Kherer sarà il primo sostituto dei centrali e dello stesso Florenzi sulla destra. A sinistra il brutto infortunio di Bernat (rottura del legamento crociato) e la lunga squalifica di Kurzawa, ha dato spazio al giovane Bakker, preferito al deludente Diallo. Centrocampo variopinto ed intercambiabile, quello parigino. Gueye o Pereira saranno i centrali davanti alla difesa, con Verratti, Draxler, Paredes o il neo arrivato Rafinha come mezzali tecniche, brave più a tenere il pallino del gioco piuttosto che ad inserirsi nello spazio. In avanti il trio delle meraviglie: Di Maria, Neymar e Mbappé. I tre sono una fucina di goal, giocate e dunque bonus. Li vedremo alternarsi, giocare a tutto campo, scambiarsi ripetutamente di posizione, ma la sostanza non cambierà. In campionato i 3 tenori dettano legge. La loro legge. Icardi è l'uomo d'area di rigore statico, con lui in campo le posizioni saranno più definite, con Mbappé a sinistra e Neymar (o Di Maria) sulla destra. Sarabia è l'esterno tappa buchi, pur partendo dalla panchina, lo spagnolo riesce a collezionare diverse partite, visti i molteplici impegni nel corso della stagione. Dall'Everton è arrivato il giovane Moise Kean, ma il suo spazio sarà davvero risicato.

Probabile Formazione Paris Saint Germain

Lineup Fantacalcio.it

Ballottaggi, rigoristi e tiratori Paris Saint Germain

Ballottaggi: Florenzi/Kherer; Gueye/Kherer in questo caso Marquinhos avanza da mediano davanti alla difesa; Bakker/Kurzawa; Di Maria/Sarabia; Di Maria/Icardi.

Rigoristi: Neymar;  Mbappe; Di Maria. 

Tiratori: Di Maria; Neymar; Verratti.

Euroleghe, quali calciatori comprare del Paris Saint Germain?

Come dicevamo, il PSG è una vetrina preziosa da dove attingere. L'importante è non esagerare con i crediti che, tra turnover, infortuni e scelte tecniche, potrebbero non essere ripagati.

Marquinhos

Il PSG senza il brasiliano è un'altra squadra. Con il capitano i parigini sembrano equilibrati, grintosi e difficili da superare. Bravo anche quando gli si chiede di fungere da perno centrale del centrocampo, sa essere pericoloso anche in zona goal. Insomma, un leader da prendere senza pensarci troppo.

Kylian Mbappé

Ci sono consigli che sembrano scontati, ma come fai a non suggerire di acquistare uno dei talenti più puri del calcio mondiale. Il francese è imprendibile, non dà punti di riferimento e riesce ad arrivare con facilità alla doppia cifra, pur non essendo rigorista. Un fenomeno da prendere assolutamente ed un giorno potremo vantarci di aver avuto uno dei migliori calciatori di sempre al fantacalcio.

Angel Di Maria

El fidejo c'è sempre. Ad ogni nuovo acquisto, ad ogni nuova trattativa, l'argentino sembra debba essere il sacrificato sull'altare dei titolari. Tutto questo fin quando il campo non ci dirà che l'esterno parigino sarà il collante più importante tra centrocampo e attacco, l'uomo che illumina e spesso risolve - anche su calcio piazzato- le partite più difficili. Non temete se lo vedrete in ballottaggio, Angel Di Maria sarà sempre sul rettangolo di gioco, con la stessa classe di sempre.

 

Euroleghe, quali calciatori non comprare del Paris Saint Germain?

Vetrina cara e trappole letali. Il PSG potrebbe farci soccombere senza pietà, privi di soldi e con slot coperti male. Una situazione a cui bisogna fare molta attenzione, senza farci abbagliare da nomi altisonanti.

Presnel Kimpembe

Ad inizio carriera si pensava che le sue disattenzioni difensive fossero frutto della mancata esperienza, invece dopo diverse stagioni, a 25 anni suonati e con finali di Champions sulle spalle, il francese continua a fare sempre i medesimi errori. Forte fisicamente, soffre maledettamente il calciatore rapido e non legge le imbucate delle mezzali a rimorchio. Una delusione da evitare anche se con l'addio di Thiago Silva, avrà la certezza di una maglia da titolare.

Marco Verratti

Il pupillo di Mancini in Nazionale sembra aver preso la Ligue 1 come la classica partita di calcetto del Martedi. Piacevole si, ma non fondamentale. Spesso out, a volte a riposo per le gare di Coppa o primo sostituito nel match, il suo apporto in campionato è decisamente inferiore rispetto alle altre gare ufficiali. Nessun goal e pochi assist, fanno capire come l'ex Pescara viaggi a corrente alternata. Risparmiato.

Mauro Icardi

Che succede Maurito? Arrivato in Francia come l'uomo concreto, il puntero capace di tramutare in rete le millemila azioni create dai compagni, l'ex nerazzurro si è trasformato in una riserva da utilizzare a gara in corso. Nel suo periodo felice, da titolare (vista l'indisponibilità di Neymar prima e Mbappé poi) non ha fatto male, ma non è stato nemmeno eccelso. Le Euroleghe avranno tanti campioni da ammirare ed acquistare, ma il marito di Wanda non è uno di questi.