I giorni della verità per Vladyslav Supryaga al Bologna, e il primo è proprio oggi. Stadio Olimpico di Kiev, ore 19, per i preliminari di Champions League la Dinamo di Mircea Lucescu e del talentino che tanto piace a Walter Sabatini, Riccardo Bigon e Sinisa Mihajlovic affronta l’Az Alkmaar. 

Bologna, Supryaga sempre più vicino

Ora, per il buon esito dell’operazione in teoria sarebbe consigliabile che gli ucraini uscissero, che Supryaga non si mettesse troppo in evidenza e soprattuto che non facesse gol, ma poi vai a sapere dove sta la verità, anche perché il presidente della Dinamo Kiev Ihor Surkis è un tipo particolare e in taluni momenti prende anche decisioni che non ti aspetti. Cosa succederebbe nel caso in cui la squadra di Lucescu battesse l’Az? Che sarebbe chiamata ad affrontare una doppia partita, la prima  il 23 e la seconda il 30, contro la vincente tra Gent e Rapid Vienna: è evidente che passando il turno entrerebbe nella fase a gironi e per Surkis si aprirebbe uno scenario pieno di luci. Soprattutto a livello economico. Un’altra domanda: a quel punto il Bologna dovrebbe aspettare la fine del mercato per chiudere eventualmente l’affare Supryaga? Non è detto, anche perché la Dinamo Kiev ha 32 calciatori in organico e Lucescu aspetta con impazienza la cessione di qualcuno per poter avere poi in attacco almeno un brasiliano come rinforzo.

Supryaga-Bologna, le conferme dell'agente

Intanto domenica Leonardo Limatola, braccio destro di Sasha Iakovenko, agente di Supryaga, ha rilasciato alcune dichiarazioni a un quotidiano ucraino. Ecco ciò che ha detto: «E’ vero che il Bologna vuole il ragazzo, i negoziati sono in corso ma per il momento la proposta dei dirigenti rossoblù è ritenuta bassa dalla Dinamo Kiev. Non sono sicuro che il Bologna possa arrivare a offrire più di 10 milioni, anche perché le squadre italiane non possono avere garanzie di bilancio non sapendo come andrà a finire la storia dei diritti televisivi». Ancora Limatola, che è stato dirigente della Fiorentina anche quando Sinisa Mihajlovic era l’allenatore dei viola: «Per quanto riguarda l’interesse di altri club, posso assicurarvi che il Torino non c’entra, poi ho parlato personalmente con i dirigenti del Milan: ebbene, a loro Supryaga piace, ma ora come ora stanno guardando tanti profili. Se la Dinamo Kiev potrebbe cedere il ragazzo solo dopo gli Europei del prossimo giugno? Nel mio percorso ho trovato tanti giocatori dichiarati incedibili e che poi sono stati ceduti, anche perché ci sono tante formule per chiudere un affare». 

Sabatini vuole Supryaga a tutti i costi nel Bologna (Getty Images)
Sabatini vuole Supryaga a tutti i costi nel Bologna (Getty Images)