SHARE

Morten Thorsby, Sampdoria. Consigli Fantacalcio: perché comprarlo... e perché no

CAMBIA LA SERIE A: LA PRESENTAZIONE DI OGNI ACQUISTO, LA SUA STORIA, LA FANTASCHEDA, LE STATISTICHE ED I FANTACONSIGLI INDISPENSABILI IN SEDE D'ASTA


|

CHI È MORTEN THORSBY

Nato a Oslo il 5 maggio del 1996, Morten Thorsby è il nuovo centrocampista della Sampdoria di Eusebio Di Francesco, anche se acquistato nella sessione invernale quando in panchina c'era ancora Marco Giampaolo. I blucerchiati lo hanno portato a Genova a parametro zero dalla squadra olandese dell'Heerenveen. Il suo percorso è ovviamente iniziato in Norvegia, prima nella squadra dell'Heming, poi due stagioni al Lyn, prima di passare allo Stabaek, dove raggiunge la prima squadra. Ci mette soltanto mezza stagione per mettersi in evidenza e attirare le attenzioni dell'Heerenveen. La "squadra con i cuoricini sulla maglietta" lo porta in Olanda, dove gioca dal 2014 al 2019, diventando una colonna della squadra olandese. Da qui arriva il salto in Italia, alla Sampdoria, che ha bruciato la concorrenza sul tempo. Con la maglia della nazionale norvegese Thorsby ha fatto tutta la trafila delle giovanili, diventando un perno dell'Under 21, ed esordendo con la nazionale maggiore nell'amichevole persa 2-0 contro la Macedonia.

IL RUOLO - Morten ha una collocazione molto semplice in campo, perché è il classico mediano, come lo definisce la Sampdoria nel post di presentazione, box-to-box. Prototipo del centrocampista moderno, bravo a rompere il gioco, ma con discreta propensione all'aggressione della porta avversaria. Nel 4-3-3 di Di Francesco può fungere da regista, ma anche disimpegnarsi tranquillamente come mezzala, soprattutto nel settore di destra, come fatto vedere nel periodo olandese.PERCHE' PRENDERLO AL FANTACALCIO - I motivi per cui prenderlo al fantacalcio sono legati soprattutto alla completezza del suo bagaglio. Thorsby è un giocatore a tutto campo, che avrà modo di proporsi in più vesti. Dotato di una discreta visione di gioco, il norvegese sa impostare e attaccare l'area, con una propensione al bonus che può essere anche interessante. Questa sua grande versatilità in campo può aprirgli molte chances di giocare in campionato come alternativa ai tre centrocampisti presunti titolari nella mente di Eusebio Di Francesco.

... E PERCHE' NO - Il principale dato che può scoraggiare un fantallenatore dal comprare Morten Thorsby è dovuto al fatto di non partire in prima fila nella griglia dei titolari della squadra blucerchiata. Il norvegese si propone quindi come "quarto uomo" del centrocampo in possibile sostituzione dei vari Ekdal, Linetty e Praet. Ecco, qualora dovesse arrivare una cessione per il numero 10, gli spazi di Thorsby potrebbero anche aumentare, ma per ora resta una scommessa non da primissimi slot del centrocampo nelle vostre leghe. Altro dato scoraggiante per il classe 1996 è il suo grande agonismo, che spesso sfocia nell'essere falloso. I cartellini collezionati in carriera non sono pochi e quindi fate attenzione ai malus che potrebbe portare in dote, e in relazione a quelli che invece potrebbero essere i bonus.

STATISTICHE - Un gol in 14 partite nella prima squadra dello Stabaek, che lo hanno fatto notare dall'Heerenveen. In Olanda ha giocato la bellezza di 130 partite tra campionato e Coppa, andando in gol 13 volte, praticamente una realizzazione ogni 10 gare. Ben più prolifico, anche perché lì spesso è stato utilizzato come trequartista (ruolo non previsto dal modulo di Di Francesco), nella nazionale norvegese Under 21, con la quale ha segnato 7 reti in 28 partite disputate, con la media realizzativa abbassata a un gol ogni 4 partite. Thorsby è particolarmente preciso nei passaggi (84%) e nei lanci lunghi (60%), leggermente meno nei cross utili (25%).

LA FANTASCHEDA

VALORE ASSOLUTO DEL CALCIATORE: 2.5/5

VALORE FANTACALCISTICO DELL'ACQUISTO: 2/5

CONTINUITA': 3/5

POTENZIALE TITOLARITA': 2.5/5

RESISTENZA AGLI INFORTUNI: 4/5

TENDENZA AL BONUS IN PROPORZIONE AL RUOLO: 3/5


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!