SHARE

Diego Godin, Inter. Consigli Fantacalcio: perché comprarlo... e perché no

CAMBIA LA SERIE A: LA PRESENTAZIONE DI OGNI ACQUISTO, LA SUA STORIA, LA FANTASCHEDA, LE STATISTICHE ED I FANTACONSIGLI INDISPENSABILI IN SEDE D'ASTA


|

CHI E' DIEGO GODIN

Non serve nemmeno descriverlo, il difensore centrale uruguaiano è da anni al vertice delle classifiche per rendimento nel ruolo in tutta Europa. Lascia l'Atletico Madrid da svincolato per accasarsi all'Inter dove andrà a comporre un reparto arretrato di livello internazionale e lui sarà verosimilmente un'arma in più nelle gare che contano, sperando di non ripetere quelle che furono le gesta di Vidic, arrivato nel medesimo modo. Esperienza internazionale da vendere, finali di Champions ed Europa League nel carniere, ma anche Mondiali da assoluto protagonista con l'Uruguay parimenti a Cope America da leader indiscusso della formazione di Tabarez. Godin, per farla breve, è un totem della difesa dovunque esso giochi.

IL RUOLO - Difensore centrale di 187 centimetri di altezza, può essere impiegato in due dei tre ruoli della difesa a tre, anche se buona parte della sua carriera l'ha sviluppata da centrale della difesa a quattro.

PERCHE' PRENDERLO AL FANTACALCIO - Perché è Godin, semplice. Perché oltre a essere un difensore iper-affidabile regala anche qualche bonus nell'arco della stagione. Solo nella stagione 2008/09 non segnò nemmeno una rete, ma ancora militava nel Villarreal e non nell'Atletico con il quale ha fatto l'ultimo e definitivo salto di qualità. Anche la ratio di cartellini gialli, per un difensore molto importante, è a suo favore: in 505 partite di club in carriera ha collezionato 114 gialli, con sole 8 espulsioni. Il malus può quindi esserci, ma saranno più le volte in cui questo non si presenterà.

... E PERCHÉ NO - Proviamo a fare l'avvocato del Diavolo in questa situazione: perché essendo un classe 1986 e venendo da una stagione tormentata da noie muscolari che gli hanno fatto saltare una decina di partite potrebbe non giocare più di 20/25 partite in campionato riservandosi, specialmente nella parte iniziale per la Champions. Potrebbe accadere con lui quello che è accaduto con de Vrij l'anno scorso e quindi essere soggetto a turnover specialmente con le gare infrasettimanali che si ripetono fra ottobre e novembre. Se proprio cercate un altro motivo per non prenderlo, potete ragionare sul fatto che la difesa a tre lui deve ancora assimilarla non avendo lavorato nemmeno un minuto con Conte e per entrare in quei meccanismi difensivi servirà tempo e potreste ritenere più utile non correre un rischio che si preannuncia essere costoso.

STATISTICHE - Un totem, lo abbiamo già detto: 505 gare in carriera con il club, 131 con l'Uruguay, Liga, Copa del Rey, Copa America, Europa League e supercoppe varie: da solo ha un palmares più grande di quello conquistato da buona parte della rosa dell'Inter. E aggiungere anche 7° miglior difensore al mondo, attualmente, secondo FourFourTwo, davanti anche a Chiellini, per citarne uno.

LA FANTASCHEDA (1-5)

VALORE ASSOLUTO DEL CALCIATORE: 5/5

VALORE FANTACALCISTICO DELL'ACQUISTO: 3.5/5

CONTINUITA': 3.5/5

POTENZIALE TITOLARITA': 4.5/5

RESISTENZA AGLI INFORTUNI: 3/5

TENDENZA AL BONUS IN PROPORZIONE AL RUOLO: 3.5/5