di Marco De Santis


Spesso si fa riferimento al ranking Uefa guardando a quello per nazioni, fondamentale per la distribuzione dei posti nelle coppe europee delle annate successive. Il ranking Uefa per club (anch'esso, come quello per nazioni, calcolato sui risultati dell'ultimo quinquennio) invece è un po' meno seguito e diventa importante solo quando si avvicinano i sorteggi della fase a gruppi delle coppe, perché serve a determinare esclusivamente la suddivisione delle squadre nelle varie fasce in quella occasione e le teste di serie nei turni preliminari. Dalla prossima stagione poi il suo utilizzo sarà ancor più limitato, perché le 8 teste di serie di Champions League saranno le squadre vincitrici dei rispettivi campionati delle prime 8 nazioni del ranking Uefa per nazioni (7 più la detentrice, che però quest'anno essendo anche vincitrice del campionato nazionale lascia il posto alla squadra dell'ottava nazione). 

 

Qui proviamo a dare un po' più di visibilità a questo ranking, andando a vedere l'ideale albo d'oro delle squadre prime classificate al termine di ogni stagione da quando questa classifica è stata ufficialmente creata dall'Uefa (ovvero dalla stagione 1990/1991, con il metodo di calcolo che è cambiato nel corso degli anni). Inoltre, andremo a vedere per ogni stagione come si è comportata nelle coppe la squadra prima in classifica, le posizioni occupate delle squadre trionfatrici nelle coppe europee e infine l'andamento storico delle tre squadre italiane e delle sei europee che hanno occupato i posti migliori in queste classifiche con più regolarità nel corso degli anni, con uno sguardo alla loro posizione di partenza nel ranking 2015/16.

Partiamo dall'albo d'oro:

 

albodoro

 

Per la settima volta il Real Madrid chiude la stagione in testa, confermando la prima posizione già conquistata l’anno scorso che si era andata ad aggiungere alle cinque consecutive del quinquennio 2001-2005. Proprio i blancos nel 2005 sono stati gli ultimi a non raggiungere almeno le semifinali di Champions League da primi del ranking, fermandosi agli ottavi di finale. Quest’anno l’andamento dell’ultimo decennio si è confermato e il Real ha raggiunto le semifinali dove è stato eliminato dalla Juventus. E’ proprio la semifinale il traguardo statisticamente più raggiunto dai leader del ranking Uefa: le “prime” hanno concluso il loro cammino europeo in quel turno ben 8 volte su 25. Solo 6 formazioni hanno invece realizzato il double Champions League/primo posto nel ranking Uefa: il Milan nel 1994, l'Ajax nel 1995, il Real Madrid nel 2002, il Milan nel 2007, il Barcellona nel 2009 e infine il Real Madrid nel 2014.

 

Nella classifica delle prime posizioni svetta proprio il Real Madrid con 7 vittorie, seguita a 4 da Juventus e Barcellona, a 3 da Milan e Manchester United, a 2 dall’Ajax e a 1 da Paris Saint-Germain e Chelsea. 

 

trecoppe

 

Come prassi degli ultimi cinque anni, anche nel 2014/15 ha vinto la Champions League una delle prime tre squadre del ranking ovvero il Barcellona, che ha chiuso la stagione al secondo posto. L’ultima a trionfare pur trovandosi fuori dal podio è stata l’Inter nel 2010. Per curiosità, se la Juventus fosse riuscita a sovvertire i pronostici contro i blaugrana sarebbe stata la squadra con la posizione peggiore (14°) a vincere la Champions League dalla vittoria del Real Madrid nel 1998, che mantiene in coppia con i rivali storici del Barcellona nel 1992 il record di squadra peggio classificata nel ranking a vincere la Coppa dei Campioni/Champions League. 

 

In Europa League il Siviglia si conferma campione e si conferma anche ventitreesimo nel ranking Uefa, bissando in tutto e per tutto il cammino della scorsa stagione. Per quanto riguarda la Coppa Uefa/Europa League è la Juventus del 1993 l'unica squadra a essere riuscita a portare a casa il trofeo da prima nel ranking, mentre la peggio messa in classifica ad esserci mai riuscita è lo Schalke 04, 111esimo a fine anno ma vittorioso contro l'Inter ai rigori nel 1997 (curioso notare come anche il Real Madrid del 1998 e il Barcellona del 1992 in Champions League siano riuscite a sovvertire la graduatoria Uefa battendo in finale un'italiana, rispettivamente la Juventus e la Sampdoria).

 

Per quanto riguarda la Coppa delle Coppe il Manchester United è l'unica che può fregiarsi della doppietta coppa/prima posizione, mentre la peggior classificata a conquistare il trofeo dedicato alle squadre che avevano vinto la propria coppa nazionale nell'anno precedente è stato il Chelsea nel 1998 (questa volta niente italiane in finale, ma gli inglesi in semifinale avevano eliminato il Vicenza di Guidolin in rimonta: persa l'andata 1-0 e sotto 1-0 anche a Stamford Bridge, hanno ribaltato il risultato chiudendo la partita sul 3-1).

 

Infine vediamo l’andamento storico delle tre italiane e delle sei straniere che più delle altre hanno occupato posizioni di rilievo nella storia del ranking Uefa (nell'ordine Juventus, Milan, Inter, Liverpool, Manchester United, Chelsea, Real Madrid, Barcellona e Bayern Monaco). Oltre all’aggiornamento realtivo al ranking finale del 2014/15 (che fa fede per i sorteggi del prossimo anno), ho inserito in grafica anche la posizione di partenza parziale di ogni squadra nella classifica del quinquennio 2011/16 andando già ad eliminare i punteggi del 2010/11.

 

topteam

 

Nessuna squadra è riuscita a rimanere nella top 10 per tutti e venticinque gli anni di esistenza del ranking Uefa per club. 

 

La più costante è stata il Manchester United, mai sceso sotto il 22esimo posto nel 1995 (ma occhio che nel 2016 partiranno dalla posizione numero 20 penalizzati dal non aver partecipato alle coppe quest'anno...).

 

La Juventus nel 2015 ha recuperato due posizioni e l'anno prossimo partirà nona, la posizione migliore mai raggiunta nel post-calciopoli e a un passo da quell'ingresso stabile nella top 8 d'Europa che è l'obiettivo minimo dichiarato della società.

 

Percorso inverso per le milanesi: il Milan è sceso al 22esimo posto uscendo dalla top 20 dopo tredici anni, l'Inter addirittura al 24esimo peggior piazzamento dal 1997. Entrambe non potranno che fare peggio nella prossima stagione, considerando che già in partenza saranno rispettivamente 21esima e 26esima ma non avranno occasione di migliorare il loro punteggio nel corso dell'anno (delle prime 42 squadre del ranking Uefa di partenza della stagione 2015/16 sono le uniche che non saranno impegnate in Europa). Anche se non è in tabella è importante segnalare la crescita del Napoli, che ha chiuso questa stagione al ventesimo posto e partirà nella prossima addirittura quattordicesimo. 

 

Per il quarto anno consecutivo i primi quattro posti sono stati occupati da Real Madrid, Barcellona, Bayern Monaco e Chelsea. Questi quattro team inizieranno nelle prime posizioni anche il 2016, con il Bayern che scartando i punteggi del 2010/11 supererà il Barcellona scattando dal secondo posto.