Schierabilità alta

Handanovic: serata prevedibilmente sul velluto, il Brescia è l'occasione più ghiotta per ritrovare il celan sheet che manca da un po'.
Donnarumma: il Milan ha confermato grande solidità difensiva, la Spal non preoccupa in tal senso.

Schierabilità medio-alta

Strakosha: nonostante Bergamo resta uno dei portieri più affidabili del torneo, anche a Torino.
Szczesny: buona scelta ma non la migliore di giornata, qualche insidia a Genova c'è.
Skorupski: il Cagliari in trasferta non segna tantissimo, lui poi vuole riscattare l'errore di Genova.
Gabriel: diamo fiducia al portiere del Lecce in una gara quasi da dentro o fuori contro la Sampdoria.
Silvestri: serve un'inversione di tendenza dopo i tanti gol presi ultimamente, resta una delle migliori scelte.
Sepe: mister rigori parati farà la sua bella figura anche a Verona, potete scommetterci.
Pau Lopez: torna finalmente titolare contro un'Udinese in difficoltà, qualche piccolo rischio ma niente di particolarmente rilevante.

Schierabilità medio-bassa

Sirigu: si mette sempre il suo per limitare i danni, ma il momento difensivo e l'avversario ci tendono a sconsigliarlo.
Cragno: qualche problema in difesa il Cagliari ce l'ha, contro le tante bocche di fuoco del Bologna è un rischio.
Dragowski: può sembrare strano vederlo qui, ma il Sassuolo trova il gol molto facilmente e non ha intenzione di smettere proprio a Firenze.
Consigli: l'altra faccia della medaglia racconta di un Sassuolo che di reti ne prende tante, meglio cercare alternative.
Audero: i numeri difensivi preoccupano in vista di Lecce, non una buona puntata.
Letica: buon portiere per l'età che ha, il Milan però è in gran forma per cui lo escludiamo.
Gollini: l'Atalanta è la squadra più in forma del campionato ma ne affronta un'altra altrettanto in salute, tanti potenziali pericoli dal Napoli, per noi è no.
Ospina: stesso discorso fatto per Gollini, quando hai di fronte il miglior attacco del campionato sai già cosa fare al Fantacalcio.

Schierabilità bassa

Perin: il Genoa prende tanti gol, la Juventus non è l'antidoto migliore per guarire. Per niente.
Joronen: a San Siro contro un'Inter galvanizzata dalla vittoria in rimonta di Parma, troppi fattori ad alto rischio.
Musso: dopo i tre gol presi dall'Atalanta ne rischia altrettanti a Roma, in questo momento non dà garanzie e non solo per colpa sua.

Handanovic (Getty)