Con l'arrivo di Vincenzo Italiano in panchina, la Fiorentina può tornare a pensare al mercato in entrata in vista della prossima stagione. Dopo il colpo Nico Gonzalez, l'idea della dirigenza viola è quella di prendere almeno un centrocampista in modo tale da favorire le idee tattiche dell'ex allenatore dello Spezia. E il nome in cima alle preferenze è quello di Stefano Sensi, pronto a lasciare l'Inter.

La Fiorentina su Sensi

La Fiorentina pensa a Stefano Sensi per rinforzare il centrocampo. Il calciatore di proprietà dell'Inter piaceva tanto a Gattuso, ma anche Italiano ha mostrato interesse per le sue qualità. L'ormai ex allenatore dello Spezia ha già dato il suo placet alla dirigenza toscana per l'affare e può esserci un affondo concreto nei prossimi giorni. La Fiorentina spera di prelevare l'ex Sassuolo con la formula del prestito oneroso con obbligo di riscatto a certe condizioni e sulla base di un numero minimo di presenze. L'unica perplessità sul suo conto, infatti, riguarda la tenuta atletica: troppi gli infortuni che lo hanno frenato nell'ultimo anno e costretto anche a saltare la spedizione azzurra a Euro 2020.

Fiorentina, piacciono Fares e Zappacosta

Non soltanto a centrocampo: la Fiorentina cerca rinforzi di spessore anche sulle fasce. Il profilo preferito è quello di Davide Zappacosta che è in uscita dal Chelsea e che potrebbe lasciare Londra a titolo definitivo: c'è da battere la concorrenza soprattutto dell'Inter, a caccia di un sostituto importante dopo l'addio di Hakimi e quello probabile di Perisic a sinistra. E per la corsia mancina piace Fares della Lazio: gli uomini di Commisso lo stanno tenendo d'occhio tra i vari candidati, la deludente prima stagione a Roma potrebbe aver abbassato di parecchio la sua valutazione di mercato (prelevato dalla Spal per circa 10 milioni di euro), senza dimenticare che l'algerino classe 1996 rischia di trovare poco spazio nel nuovo 4-3-3 di Sarri.

Sensi (Getty)
Sensi (Getty)