Il Liverpool torna ad Anfield davanti al suo pubblico. Dopo un anno di silenzio e difficoltà, la squadra di Klopp torna nuovamente ad unirsi e compattarsi con l'amore dei propri tifosi. Un amore viscerale per una squadra che vive di folate, di strappi improvvisi, sospinti dall'incitamento di chi ama alla follia i ragazzi di Anfield. Una stagione faticosa per Klopp che ha dovuto fare a meno non solo dell'amore che arriva dagli spalti ma del suo totem difensivo Virgil Van Dijk. Il gigante olandese è andato KO praticamente ad inizio stagione ed ha ribadito ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, che vi è un Liverpool con Van Dijk (capace di vincere Champions e Premier) e uno senza (che riesce a qualificarsi per la prossima Champions League per il rotto della cuffia). Il colosso di Anfield è ora tornato, i tifosi pure. Wijnaldum si è unito al dream team parigino, ed il suo posto sarà preso dai giovani Elliott (per lui brutto infortunio contro il Leeds) e Curtis. Per il tecnico tedesco la filosofia di far crescere i giovani del vivaio è l'unica che può portare al successo (vedi Alexander Arnold), perché non si possono spendere soldi che non si hanno ed è giusto che i ragazzi delle giovanili possano sognare un giorno di vestire la maglia della prima squadra. Questo è il Liverpool, questo è Anfield. YNWA

SKY-VIDEO
Contenuto non disponibile

Come gioca il Liverpool

La squadra di Jurgen Klopp scenderà in campo con un 4-3-3 che ha fatto scuola. Niente passaggi inutili o tiki taka, ma gioco in verticale, rapido, sempre con lo sguardo rivolto verso la porta avversaria. In porta Alisson non sembra più essere il baluardo imprescindibile di una volta e deve ritrovare sicurezza. Difesa che sulle fasce vanta due dei terzini più forti al mondo: a destra Trent Alexander Arnold e sulla sinistra Andrew Robertson. I due spingono come pochi ed hanno piedi da favola. I loro sostituti, Neko Williams a destra e Tsimikas a sinistra non hanno di certo le loro caratteristiche. Al centro vediamo l'importante ritorno di Van Dijk. La rottura del crociato dell'olandese ha messo in luce tutte le carenze di una squadra che non può prescindere dal gigante numero 4. Accanto a lui si registra un altro gradito ritorno, anche lui messo fuori gioco da un infortunio, quello di Joel Matip che quest'anno, oltre al solito Joe Gomez (anche lui fuori lo scorso anno per una lesione al ginocchio) avrà nel neo arrivato Konate un altro rivale. Al centro del campo capitan Henderson sarà la mezzala a tutto campo, mentre Fabinho e Thiago si alterneranno spesso da centrale davanti alla difesa (ma i due scenderanno parecchie volte insieme in campo). La partenza di Wijnaldum apre parecchi scenari, così oltre a Jones, ormai certezza di questo Liverpool, Klopp sembrava intenzionato a dar fiducia al giovane Harvey Elliott, talentino scuola Liverpool, ma il classe 2003 ha subito un grave infortunio nella partita vs il Leeds e per lui si prevede un lungo stop. In avanti la situazione è limpida, con Salah e Mané inamovibili sulle fasce, Diogo Jota e Firmino pronti a giocarsi un posto al centro ma con la possibilità, in determinate partite, di giocare insieme in un 4-2-3-1 iper offensivo.

Liverpool, la Probabile Formazione

Lineup Fantacalcio.it

Euroleghe, i tiratori del Liverpool

RIGORI: Salah, Mané, Milner. 

PUNIZIONI: A.Arnold, Robertson, Mané. 

CALCI D'ANGOLO: A.Arnold, Robertson, Thiago.

Euroleghe Fantacalcio: Guida all'Asta

PORTIERI:

 

ALISSON

Da certezza indiscussa a dubbio amletico, il brasiliano ha vissuto un periodo sicuramente molto difficile sia in campo che fuori, abbiamo visto errori che da un giocatore del suo calibro non ci aspetteremmo mai. Non trattiamolo come un super top, ma neanche come uno scarto.

ADRIAN

Se vogliamo avere in rosa il portiere titolare del Liverpool ci tocca acquistarlo, anche se il ragazzo è incline a qualche scivolone di troppo, così come capita ultimamente al titolare.

KELLEHER

Terzo portiere del Liverpool che si è fatto trovare pronto tra i pali nel periodo di assenza di Alisson e Adrian.

DIFENSORI:

 

VAN DIJK

Il gigante olandese è tornato. Dopo una stagione perfetta, quasi da sogno, per lui è arrivato un infortunio che gli ha fatto saltare tutta la stagione. Tornato al centro della difesa, il suo apporto difensivo ed i suoi colpi di testa perentori su palla inattiva nell'area avversaria, ci suggeriscono di prenderlo ad ogni costo.

ALEXANDER ARNOLD

Forse il terzino destro più forte al mondo, o comunque uno dei migliori. Piede caldo, sforna cross al bacio per i suoi compagni e sa come far male su calcio di punizione. Se cerchiamo un difensore che possa portarci bonus con una certa costanza, Trent fa al caso nostro.

ROBERTSON

Lo scozzese è uno dei terzini più forti in lista, riesce ad essere costantemente presente nelle due fasi di gioco. Mancino prelibato, riesce a servire i compegni con estrema precisione. Prendiamolo.

MATIP

Il camerunense lo scorso anno ha subito un duro infortunio alla caviglia, difensore normale, riesce a formare una buona cerniera difensiva insieme a Van Dijk, si alternerà ora con il neo arrivato Konaté, ora con J.Gomez. Se dovessimo scegliere un difensore dei reds, lui sarebbe in coda alla lista. Occhio ai problemi fisici e agli acciacchi, è storicamente incline agli stop.

KONATE I

Appena arrivato dal Lipsia il francese sarà una delle riserve più importanti dei due centrali di difesa titolari, se preso in coppia con Van Dijk (soprattutto al Mantra) potrebbe essere un affare.

GOMEZ J

Come Van Dijk è stato fuori per tutta la scorsa stagione. Adesso l'infortunio sembra essere alle spalle e l'inglese sarà una valida alternativa ai centrali di difesa, ma potrà far respirare (in caso di difesa più abbottonata) Arnold. Occhio all'entusiasmo però, gli E-Games potrebbero ingannarci. Presente lo scorso anno in qualsiasi rosa di FUT, il ragazzo a volte è incline allo svarione, stiamo attenti.

TSIMIKAS

Il greco non è solo la riserva vera e propria di Robertson, ma anche un giocatore pericoloso in entrambe le fasi che ha dimostrato di valere più di quanto immaginassimo. Se preso in coppia con lo scozzese (soprattutto al Mantra) può garantirvi una fascia di sinistra da primi della classe.

PHILLIPS N

Lo abbiamo visto spesso in campo la scorsa stagione dati gli infiniti infortuni in casa Liverpool, salvo imprevisti lo vedremo raramente, ma non si sa mai.

WILLIAMS N

Altro volto familiare, che lo scorso anno abbiam visto parecchio in campo data l'ecatombe del reparto difensivo, tuttavia quest'anno potrebbe non trovare spazio, evitiamo.

CENTROCAMPISTI:

 

THIAGO

Uno dei tanti infortunati della scorsa stagione ritorna a essere uno dei centrocampisti più forti del listone, calcisticamente parlando. In ottica fantacalcio non è un nome che stuzzica particolarmente data l'unica rete segnata l'anno scorso. Non strapaghiamolo, ma non trattiamolo neanche come fosse uno straccio.

HENDERSON

Il capitano dei reds è la vera anima della squadra. Sempre sul pezzo, non molla dal primo all'ultimo minuto. Non è un nome che porta particolari bonus, ma in leghe numerose può essere un titolare che non sfigurerà.

KEITA N

Il centrocampista sembra un lontano parente di quel calciatore spumeggiante visto con la maglia del Lipsia. Quest'anno con la partenza di Wijnaldum potrebbe trovare più spazio, infortuni permettendo. Occhio però ai ragazzini terribili, potrebbero presto rispedirlo in panca.

FABINHO

Un vero e proprio jolly, può fungere da mezzala, mediano davanti alla difesa o, all'occorrenza, da centrale difensivo. Sicuramente non è più quel calciatore dal goal facile visto a Monaco (10 reti a referto) ma comunque si tratta di una M molto interessante dotato di un ottimo tiro. Ricordate il goal contro il City? 

MILNER

Giocatore tuttofare, nonostante l'età Jurgen Klopp, anche a gara in corso, riesce a spostarlo da mediano a mezzala, fino a terzino destro di difesa. Gli anni però passano e l'ex Leeds al momento è fuori per infortunio. Senza Salah è lui il rigorista della squadra. Pro e contro che dovrete essere voi a mettere sull piatto della vostra bilancia.

OXLADE CHAMBERLAIN

Gli infortuni che spesso lo colpiscono fanno sì che il suo rendimento sia sempre altalenante. Oxlade è infatti una pedina che Klopp spesso utilizza a partita in corso. Ovviamente è da prendere solo come jolly per completare il centrocampo dopo aver preso giocatori titolari, niente di più.

JONES C

Una vera e propria sorpresa. 24 presenze per lui lo scorso anno e anche una rete segnata in Euroleghe. Jones è un giovane talento che sta dimostrando di poter pian piano scalare le gerarchie del centrocampo del Liverpool, diventerà presto qualcuno di importante, ma non sappiamo quanto presto.

ELLIOTT

Giovanissimo classe 2003 arriva nella nostra lista Euroleghe ed è già una nostra scommessa. Klopp sembra essersene innamorato per la maturità e la sfacciataggine che ha in campo, ed anche noi. Purtroppo alla prima giornata di Fantacalcio il ragazzino ha subito un durissimo colpo alla gamba. Per lui lungo stop e addio momentaneamente ai sogni di gloria. Peccato.

ATTACCANTI:

 

SALAH

Momo è uno di quei giocatori che non abbiamo neanche bisogno di descrivere, l'egiziano con il suo sinistro fa paura a qualsiasi difesa in Premier League ed è l'arma più letale dei Reds. Sia al Classic come al mantra è un primo/secondo slot in base al numero di partecipanti, ma una cosa è certa: il suo acquisto è (ovviamente) più che consigliato.

MANE

L'anno scorso potrebbe aver deluso le aspettative. Undici le reti realizzate per lui e da un calciatore con le sue qualità ci si aspettava sicuramente di più. Magari Sadio quest'anno riuscirà a ritrovare con facilità la via del goal e noi ci speriamo, ma occhio a non esagerare con la spesa.

DIOGO JOTA

Arrivato dai Wolves il portoghese sembra essere diventato sempre più un protagonista assoluto di questo Liverpool. Nome da non sottovalutare assolutamente, 19 partite giocate e 9 goal a referto nella passata stagione prima che un problema al ginocchio lo mettesse fuori gioco. Quest'anno è tornato ed ha già realizzato 2 reti in 3 partite, pensiamo di non dover aggiungere altro.

FIRMINO

Ormai quando sentiamo l'espressione: "falso nueve" pensiamo subito a Bobby Firmino. Il brasiliano si abbassa, apre gli spazi e crea gioco per le ali, il tutto a discapito del suo score personale. 9 reti in trentasei match disputati, le stesse realizzazioni messe a segno da Jota nella metà delle gare giocate. Tra i due, noi sapremmo chi scegliere.

MINAMINO

L'ex Salisburgo non ha trovato molto spazio con i Reds, e gli slot sono sempre troppo pochi per puntarci anche un solo credito.

ORIGI

L'eroe di quella magica notte di Anfield, che nessun tifoso dei Reds dimenticherà mai. Al fantacalcio però Origi rimane un'incertezza, a causa della lunghezza della rosa del Liverpool - come accade ormai da qualche stagione - non riuscirà a ritagliarsi uno spazio. La nostra lista è molto numerosa, possiamo cercare di meglio.

Scommessa

FABINHO

Il brasiliano per anni al Monaco ci aveva abituati molto bene. Fase difensiva eccellente, così come oggi accade, ma anche fiuto del goal e bonus costanti. Lo scorso anno per lui è stato particolare, fungendo sempre da tappa buchi anche in ruoli a lui poco congeniali. Terminata l'emergenza difensiva e con un centrocampo meno folto rispetto agli anni passati, Fabinho potrebbe ritornare ad essere quel centrocampista completo di cui in molti si sono innamorati. Alla prima Euroleghe è andato in goal e noi abbiam voglia di scommetterci su.

Antiscommessa

ROBERTO FIRMINO
Sempre più involuto. Il brasiliano sta man mano perdendo la verve di un tempo e, dall'arrivo di Jota, anche il posto da titolare. I goal non sono mai stati molti, ma le giocate in favore dei compagni hanno fatto sì che negli anni, Bobby portasse sempre a casa la pagnotta, colmando la mancanza di +3 con cospicui +1. Adesso anche il ruolo di assistman sembra abbandonarlo e quel che è peggio, il compagno portoghese riesce a buttarla dentro con frequenza.