La Real Sociedad riparte da Imanol Alguacil. Il tecnico che ha regalato il quinto posto ai txuri urdin e soprattutto la vittoria della Copa del Rey 2020. Una finale giocatasi nell'Aprile del 2021 causa Covid e che ha visto i baschi trionfare grazie ad un goal del solito Oyarzabal. Una squadra giovane ma esperta, con calciatori duttili che sanno sacrificarsi per la causa. Isak dopo un bell'Europeo è rimasto, così come il mago David Silva e lo stesso Oyarzabal. La conferma dei pezzi pregiati, dei ragazzini terribili con l'ingresso di Sorloth dal Lipsia, ci porta verso l'attestazione di quanto detto dal direttore sportivo Olabe ad inizio stagione: la Real Sociedad vuole crescere con i propri ragazzi e puntare a far sempre meglio. Tornano i tifosi allo stadio e l'Anoeta si trasformerà nuovamente in un magico mondo per i calciatori Guipuzcoa, e in un inferno per gli avversari.

SKY-VIDEO
Contenuto non disponibile

Come gioca la Real Sociedad

La Real Sociedad di Imanol Alguacil si schiera con un 4-3-3 classico. In porta Remiro è una certezza. A sinistra Munoz ha ormai la maglia da titolare, con Monreal che - acciacchi permettendo- si limiterà ad essere il suo vice. A destra battaglia più serrata tra Zaldua e Gorosabel con quest'ultimo leggermente in vantaggio. Al centro difesa Le Normand ed Elustondo formano la cerniera invalicabile, con Zubeldia che spesso viene arretrato dal tecnico per sostituire uno dei due. A centrocampo fondamentale il ritorno di Merino dall'infortunio, lui sarà la mezzala che dovrà fare le due fasi, mentre il mago David Silva avrà il compito di creare gioco e cercare l'ultimo passaggio. Davanti alla difesa ecco Zubimendi, ragazzo che nonostante la giovane età ha preso in mano la squadra e con personalità sa mettere ordine e dettare i tempi di gioco. Guridi e Guevara (con caratteristiche completamente differenti) saranno le alternative. E poi troviamo Asier Illarramendi. Il capitano dei baschi falciadiato dagli infortuni (fuori ancora oggi per un problema muscolare) che sarebbe il titolare inamovibile del centrocampo ma che ormai è sempre più uomo spogliatoio. In avanti Oyarzabal sulla destra è l'uomo che cambia il volto alla squadra, il talento puro che può risolvere il match. Isak al centro vedrà l'arrivo di Sorloth, ma quest'ultimo difficilmente riuscirà ad impensierire lo svedese. Sulla sinistra il prodotto della cantera dei txuri-urdin Barrenetxea sembra aver scalato le gerarchie, sarà lui ad agire sull'esterno d'attacco e così per Portu e Januzaj non resta che il subentro a gara in corso.

Real Sociedad, la Probabile Formazione

Lineup Fantacalcio.it

Euroleghe, i tiratori della Real Sociedad

RIGORI: Oyarzabal, Januzaj, Isak. 
PUNIZIONI: Oyarzabal, Januzaj, D.Silva.
CALCI D'ANGOLO: Oyarzabal,Januzaj, Isak.

Euroleghe Fantacalcio: Guida all'Asta

PORTIERI:


REMIRO

Affidabile e senza fronzoli, è stato tra i portieri meno battuti della passata Liga. Non ci sentiamo di affidargli le chiavi della nostra porta ma sicuramente potrebbe essere una valida alternativa al titolare.

RYAN

Portiere che spesso ricopre il ruolo di titolare della propria nazionale, l'Australia, ha un passato in Premier con le maglie dell'Arsenal ma soprattutto del Brighton. Un portiere esperto che, tuttavia, sarà il vice Remiro.

DIFENSORI:

 

MONREAL

Le sortite in area avversaria di quando vestiva la maglia dei Gunners non sono più così frequenti ma Nacho le ha ancora nelle sue corde. Se avete l’ultimo slot libero nel reparto arretrato, potrebbe essere l’innesto giusto, ma occhio agli acciacchi.

LE NORMAND

Solido e concreto, questo 24enne centrale francese è stato tra i migliori della passata stagione. Abile nel gioco aereo, sa rendersi pericoloso in area avversaria, ma crediamo non sia sufficiente per guadagnarsi un posto in rosa.

ELUSTONDO

Insieme a Le Normand forma la ben affiatata coppia di difensori centrali della Real Sociedad. Un po' vecchio stampo, ricopre il ruolo con attenzione e senza fronzoli badando al sodo. Meno presente del compagno in area avversaria, appetibile per la titolarità che comunque non è scontata a causa della concorrenza di Zubeldia.

ZUBELDIA

Nasce centrocampista ma per necessità e virtù ha ultimamente ricoperto il ruolo di centrale difensivo rimpiazzando spesso Elustondo. Attento in copertura, ha la capacità di impostare l'azione da dietro e per questo potrebbe essere lui a scendere in campo da titolare più spesso. Tuttavia, non riteniamo sia un elemento importante per le nostre rose.

ZALDUA

È la principale alternativa a Gorosabel al quale ruba il posto in occasione di un 11 iniziale più prudente. Per caratteristiche, infatti, spinge meno rispetto al compagno essendo più portato alla fase difensiva. Non può fare al caso nostro.

MUNOZ

Terzino sinistro che spesso si alterna con Monreal, non ha propensione al bonus ma se puntate collega ex Arsenal, prenderli entrambi per una certezza di titolarità sarà d'obbligo.

GOROSABEL

Tutta la trafila nelle giovanili e poi l'approdo in prima squadra. Terzino destro di buona corsa, ha piede abbastanza educato per mettere invitanti palloni in area per gli attaccanti. In realtà, nella passata stagione, pochi di questi si sono trasformati in assist ma Andoni è comunque un profilo interessante e potrebbe occupare senza sfigurare uno dei vostri ultimi slot.

RICO D

Prelevato dal Bournemouth, dove era il terzino sinistro titolare, in terra basca dovrà superare la concorrenza di Monreal e Munoz. Non è detto che, in qualche, non riesca a farsi preferire ai suoi due compagni ma per il momento non attira particolarmente la nostra attenzione.

CENTROCAMPISTI:

 

DAVID SILVA

Gran colpo di mercato della scorsa estate, il mago a causa di qualche infortunio di troppo, ha fatto vedere solo a sprazzi la sua classe sopraffina. Le sue giocate possono decidere le sorti di un incontro, è quasi un sacrilegio non consigliarlo ma i dubbi sulla tenuta fisica ci inducono a questa dolorosa scelta.

PORTU

Rapido e opportunista sotto porta, questo attaccante esterno ha fiuto e dimestichezza con il goal. Non siamo certi che possa entrare sempre in campo e crediamo dunque che non sia l'elemento che possa fare la differenza nelle nostre fantasquadre.

MERINO

Forza fisica e buone doti da incursore. Avrebbe le carte in regola per essere uno dei migliori nel suo ruolo ma qualche infortunio e tanta discontinuità ne hanno impedito il definitivo salto di qualità. Motivo per il quale non conquista la nostra fiducia.

BARRENETXEA

Come Gorosabel è cresciuto nella società basca e a soli 19 anni si è già ritagliato un ruolo importante in prima squadra. Attaccante esterno spesso viene preferito al più esperto Portu sul versante destro dell'attacco ma si disimpegna altrettanto bene sul lato opposto. Deve sicuramente curare la cattiveria sotto porta ma la rete nell'ultimo turno è un buon preludio. Ci sentiamo di consigliarlo per chi gioca al continuativo, per le altre leghe forse è meglio fargli fare ancora un po' di esperienza.

ZUBIMENDI

Nell'ambiente basco si dice un gran bene di questo giovane mediano 22enne che probabilmente nell'immaginario collettivo è il naturale erede di Illaramendi. In effetti lo ricorda un po', soprattutto nell'interpretazione del ruolo di regista basso pronto a dare il la alla manovra. Purtroppo per noi,  anche per la scarsa attitudine al goal. Niente da fare.

JANUZAJ

Mister Alguacil nella passata stagione lo preferiva a partita in corso e Adnan è risultato spesso decisivo. Tecnico e abile nell’uno contro uno è un elemento interessante specie se riuscisse ad ottenere i galloni da titolare, per il momento però non entra nelle nostre grazie.

GURIDI

Classico centrocampista abile il cui compito è prevalentemente quello di recuperar palloni e dare copertura alla difesa. Utile per i baschi, non per noi.

GUEVARA

Anche lui come Zubimendi è chiamato un po' a raccogliere l'eredita di Illaramendi. Rispetto ai due ha un po' più di passo e qualità per attaccare gli ultimi 16 metri ma evidentemente pecca un po' di decisione e personalità visto lo scarso contributo realizzativo. Ci spiace ma non lo riteniamo appetibile.

LOPEZ R

Mezzala interessante, lo scorso anno si è saputo ritagliare un suo spazio, realizzando anche 3 reti. Al momento sta giocando con la squadra B ma probabilmente quando il calendario si farà fitto, lo ritroveremo in prima squadra.

ILLARAMENDI

Storico capitano e simbolo della Real Sociedad ha vissuto stagioni di buon livello prima che una discreta serie di infortuni ne limitasse l'ulteriore crescita. Ora alla soglia dei 31 anni, con una condizione fisica ancora precaria, vede il nuovo avanzare e farsi strada l'idea di essere più un uomo spogliatoio pronto a dare il suo contributo qualora ce ne fosse bisogno. Massimo rispetto per lui ma nient'altro.

NAVARRO

Centrocampista offensivo alla sua terza stagione con la maglia della Real Sociedad (giovanile) si aggrega alla prima squadra ed ha già collezionato una presenza. 19 anni e non sentirli. Al Fantacalcio? Ovvimente no.

ATTACCANTI:

 

OYARZABAL

È tra gli elementi di maggior talento tra le fila dei baschi di cui è anche il capitano. La scorsa stagione vissuta tra alti e bassi non scalderà particolarmente i cuori dei fantallenatori ma Mikel resta comunque un giocatore di spessore e, dettaglio, non trascurabile, rigorista designato della squadra. 11 reti e 8 assist la scorsa stagione, già a quota 2 quest'anno. Al giusto prezzo, ci si può fare un pensierino.

ISAK

È stata una delle rivelazioni della scorsa Liga tanto da essere stato accostato a diversi club in questa sessione di mercato. Agile e veloce pur essendo longilineo, questo 21enne ha già dimostrato con le sue 17 reti di essere degno delle Euroleghe. Certo, in lista vi sono colleghi di più alto profilo ma come attaccante di “scorta”, il suo eventuale acquisto è senza dubbio consigliato.

SORLOTH

Aveva attirato l'attenzione del Lipsia per le 24 reti messe a segno con il Trabzonspor appena due campionati fa. Ma alla prova con un campionato sicuramente più importante come la Bundesliga ha mostrato qualche limite. Cerca il rilancio in terra basca ma la crescita esponenziale di Isak lo vede sicuramente dietro nelle gerarchie. Non ci interessa.

FERNANDEZ C

Doveva essere la riserva di Isak ma la rottura del legamento crociato anteriore lo mette ko per almeno sei mesi.

Scommessa

ANDER BARRENETXEA

Il giovane talentino della cantera è cresciuto. Ricordiamo l'esordio a 16 anni con la prima squadra e il suo ritorno a casa con la bici legata al palo dell'Anoeta. Per lui il sogno di tutti i bambini si è realizzato: giocare nello stadio della tua città, della tua squadra del cuore ed alzare un trofeo. Giocatore rapido, scattante che deve ancora migliorare sotto porta. Il tecnico Alguacil è stato chiaro ad inizio stagione, questo dovrà essere l'anno di Ander e noi non possiamo che essere d'accordo con il mister.

Antiscommessa

ASIER ILLARAMENDI

Il capitano resta uno dei big assoluti di questa squadra per tecnica, esperienza e carisma. Superati i problemi fisici nella passata stagione, sei partite più tardi il capitano è nuovamente finito KO. La società ha tenuto in rosa parecchi centrocampisti e mediani, segno evidente che non crede più molto ad un suo totale rientro. Potrebbe essere un buon profilo fantacalcistico, anche grazie alle sue doti da gran tiratore da fermo, ma che Asier torni al 100% sinceramente, ci crediamo poco.