I campioni di Spagna tornano al Fantacalcio e lo fanno con la consapevolezza di essere una corazzata non solo dal punto di vista tecnico, ma anche economico. In una estate dove Real Madrid, ma soprattutto Barcellona, non hanno potuto dare vita ad i soliti investimenti faraonici, l'Atletico Madrid ha continuato ad aggiungere tasselli importanti, senza cedere nessun imprescindibile. Il cholo Simeone è tornato carico e, nonostante il titolo, continua ad aver la stessa fame di sempre. Il ritorno di Griezmann con i Colchoneros è un qualcosa che mai ci saremmo aspettati, mentre siam curiosi di vedere come Rodrigo De Paul si esprimerà in un grande club. Saul vola al Chelsea, ma ormai il canterano dei rojiblancos non era un titolare fisso da tempo, Matheus Cunha arriva per stupire. Concentrazione, bava alla bocca e cattiveria calcistica al servizio di un unico, solo e possibile obiettivo: la vittoria. Quando si parla delle squadre del Cholo Simeone, parlare di moduli e ruoli, risulta estremamente difficile. Perché il Cholismo non è solo un epiteto folkloristico per riempire le pagine di giornale, ma un vero e proprio movimento calcistico che potrebbe espandersi nei suoi concetti più estremi. Non importa chi tu sia, se un giovane fenomeno o un campione affermato, se prediligi una fascia piuttosto che un'altra. Per vincere bisogna lavorare, sudare e spendersi per la squadra, giocando alla morte in amichevole come in finale di Champions, difendendosi contro un top club così come l'ultima in classifica. Giocatori intercambiabili che agiranno da seconda punta e da terzino, centrocampisti capaci di abbassarsi sull'asse difensivo o fungere da trequartista. Lavorare, lottare, vincere. Un motto che, ad oggi, ha reso nuovamente grande l'Atletico Madrid e orgoglioso tutto il popolo dei colchoneros. Benvenuti nel mondo del Cholo, bienvenidos al Wanda Metropolitano.

SKY-VIDEO
Contenuto non disponibile

Come gioca l'Atletico Madrid

L'Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone non ha un modulo predefinito, ma si schiera prettamente con un 3-5-2 intercambiabile nelle posizioni e nei giocatori che, potrebbero essere gli stessi 11 ma cambiare in modo sostanziale il loro ruolo in campo. In porta Oblak è una saracinesca insuperabile; difesa a tre con Gimenez, Savic ed Hermoso. Sugli esterni Trippier e Carrasco portano corsa e spinta, ma son pronti ad abbassarsi e a formare una cerniera difensiva a cinque dietro. Renan Lodi sulla sinistra è chiamato in causa quando l'Atletico decide di chiudersi ulteriormente, con il brasiliano all'occorrenza può fungere da terzo di sinistra nella zona centrale della difesa. Al centro del campo Koke è il capitano, anima e fulcro del gioco Colchoneros, con Llorente jolly universale, capace di giocare ora come mezzala, trequartista, seconda punta o terzino a tutta fascia di destra, mentre il nuovo arrivato Rodrigo De Paul si contenderà un posto con Kondogbia, Herrera e Lemar, giocatori diversi ma funzionali in base all'andamento della gara. Joao Felix resta la più grande incognita. Da seconda punta o trequartista avrà una concorrenza spietata. Suarez in avanti sarà coadiuvato dal ritorno del figliol prodigo Griezmann, le petit diable dovrà tornare quello di un tempo per guadagnarsi una maglia da titolare, specialmente con un Correa formato gigante. Per l'autore del goal scudetto della passata stagione 3 goal e un assist nelle prime tre gare di campionato. Il tutto senza dimenticare il nuovo acquisto colchoneros Matheus Cunha. Prelevato dall'Herta Berlino il ragazzo ha mostrato di avere colpi da campione ed ha carattere e tempra per lottare con il coltello fra i denti per guadagnarsi il suo spazio. Dicevamo però di un Atletico Madrid eclettico, capace di giocare con una difesa a quattro, con due esterni bassi a discapito di un centrale; due mediani di contenimento ed una linea di trequartisti sotto una sola punta o con due mezzali ed un trequartista. Modulo e giocatori che non saranno mai un punto fermo, perché chi vuol scendere in campo, dovrà meritarselo.

Atletico Madrid, la Probabile Formazione

Lineup Fantacalcio.it

Euroleghe, i tiratori dell'Atletico Madrid

RIGORI: Suarez, Griezmann, De Paul.

PUNIZIONI: Suarez, De Paul, Trippier.

CALCI D'ANGOLO: Lemar, Carrasco, De Paul.

Euroleghe Fantacalcio: Guida all'Asta

PORTIERI:

 

OBLAK

Siamo al cospetto di uno dei migliori 5 portieri al mondo, va da sé che il suo acquisto non può che essere consigliato. Noi, in ottica fantacalcio, lo mettiamo addirittura in cima a questa classifica in considerazione del fatto che, al netto del grandissimo contributo offerto da questo estremo difensore sloveno, la difesa dell’Atletico è una vera roccaforte difficile da espugnare. Il suo acquisto non sarà di certo economico ma varrà ogni credito speso.

LECOMTE

Lascia un ruolo da titolare al Monaco -chiuso dall'arrivo di Nubel- per fare da secondo ad Oblak. Un ruolo comunque di prestigio sia per lo spessore del titolare sia perché, se ce ne sarà bisogno, dovrà difendere la porta dei campioni in carica della Liga. In quest'ottica va inquadrato il suo acquisto: vice Oblak.

DIFENSORI:

 

TRIPPIER

Uno dei migliori interpreti a livello europeo del suo ruolo. Terzino destro di grande spinta ma che sa anche difendere come ormai impone il calcio moderno. Ai nostri fini fa sicuramente gola la sua capacità di sostenere con costanza e pericolosità le azioni offensive e per questo lo inseriamo tra i “papabili” titolari della nostra fanta squadra. Segnatelo tra gli obiettivi.

RENAN LODI

Il passaggio sempre più frequente alla difesa a 3 ha penalizzato questo terzino sinistro brasiliano che comunque è “sceso” nelle gerarchie del Cholo. Probabilmente per la scarsa attitudine a difendere come del resto nel DNA carioca. Prediligendo più la fase offensiva, sarebbe anche un elemento da tenere in considerazione ma la sua non titolarità ci deve far desistere dall'acquisto.

FELIPE A

Statuario centrale brasiliano, viene spesso utilizzato da Simeone nel pacchetto difensivo titolare. Non eccelso tecnicamente, alterna buoni interventi a qualche svarione, per di più non è un titolare fisso motivo per il quale il suo acquisito andrebbe fatto per garantirsi “copertura” in caso abbiate già in rosa un suo collega di reparto.

VRSALJKO

In Italia si era messo in luce tanto da guadagnarsi l'attenzione di club importanti come, appunto, l'Atletico Madrid. Qualche infortunio di troppo e, conseguentemente, l'arrivo di Trippier ne hanno bruscamente interrotto la crescita. Tranne che come alternativa al suo compagno titolare (ma spesso Simeone preferisce spostare sull'esterno Llorente), non possiamo consigliare il suo acquisto.

SAVIC

Il veterano della difesa Colchoneros. Esperienza e tempismo, specie nel gioco aereo, gli permettono di guidare una difesa, che dall'avvento di Simeone è tra le meno perforate della Liga. Anche lui non disdegna le avanzate in avanti e potrebbe regalare qualche bonus. Non dovrebbe scatenare aste feroci e ad un costo moderato è sicuramente un buon acquisto.

GIMENEZ

Quasi sempre schierato dal primo minuto, questo difensore uruguaiano ha nel temperamento la sua caratteristica principale. Abile nell'anticipo e in marcatura, sovente cerca gloria nell'area avversaria in occasione dei calci piazzati. Si può trovare di meglio in lista, soprattutto a causa dei continui infortuni che lo affliggono, ma assicurarsi un fido scudiero del Cholo non guasterebbe.

HERMOSO

Si disimpegna bene sia come terzino sinistro che come terzo di difesa. Questa sua duttilità viene apprezzata dal suo allenatore che spesso gli concede una maglia da titolare. Nonostante ciò per lui vale quanto detto per Felipe, acquistatelo in coppia con uno dei titolari fissi.

CENTROCAMPISTI:

 

LLORENTE M

La spariamo subito grossa: chissà se senza il suo contributo l'Atletico avrebbe vinto ugualmente il campionato. Non abbiamo la controprova ma un dato: Marcos ha portato in dote 12 reti e 11 assist. Terzino, esterno alto, mezzala, seconda punta... irrinunciabile per Simeone ed anche per noi che lo mettiamo in cima alla lista dei nostri desideri nel reparto mediano.

DE PAUL

Da alcuni anni in procinto di fare il grande salto è finalmente approdato alla corte di una big europea. I trascorsi nel nostro campionato ci hanno fatto apprezzare le doti di cucitore di gioco, di fine suggeritore e ultimamente anche di finalizzatore. All'Atletico non avrà inizialmente la leadership di cui godeva ad Udine e soprattutto la responsabilità dei penalty. Andrà ad infoltire la linea della trequarti Colchoneros e, pur apprezzandolo, riteniamo che il suo acquisto non debba superare un certo budget.

LEMAR

Il 25enne francese ha via via accentrato la sua posizione in campo, da esterno offensivo si è tramutato in mezzala. Sa mettere a frutto le sue qualità anche in quel ruolo ma ovviamente la predisposizione al bonus, già comunque non entusiasmante, ne ha ulteriormente risentito. Non riteniamo che averlo in rosa possa fare la differenza.

CARRASCO

Forse è l'unico tra i giocatori di Simeone ad avere la capacità di cambiare passo, saltare l'uomo ed arrivare al cross dal fondo in modo continuo, ed i 10 assist della passata stagione sembrano darci ragione. Ma Yannich è anche in grado di concludere personalmente le azioni offensive dei suoi e con il suo tecnico sta migliorando tanto anche in fase di non possesso, pertanto, un suo acquisto, magari come alternativa a qualche top di ruolo, è ampiamente consigliato.

KOKE

Maglia dell'Atletico che ormai è una seconda pelle, anima e cuore dei Colchoneros. Spada ma a volte anche fioretto, lotta in mezzo a campo ma anche qualità in avanti. Purtroppo non ha molta confidenza con il bonus ed in chiave fantacalcio risulta appetibile.

KONDOGBIA

Il suo ruolo principale è quello di interdizione e di offrire un po' di peso e centimetri in mediana. Non è un profilo particolarmente interessante ma nelle leghe Mantra potrebbe rappresentare una discreta M di rincalzo.

HERRERA H

Temperamento e sacrificio, Simeone lo butta dentro quando c è da fare un po' di lotta lì in mezzo al campo. Il messicano in questo contesto ha pochi rivali ma, purtroppo, non è il massimo per chi vuole allestire una fanta-rosa e cerca un po' più di qualità e soprattutto bonus. Passiamo oltre.

ATTACCANTI:

 

SUAREZ

Che dire? Se possiamo sindacare sul contributo più o meno decisivo di Llorente, ogni dubbio cade di fronte a questa macchina da gol. Ben 21 la scorsa stagione ma soprattutto quel peso specifico li davanti che probabilmente era la nota dolente dell'Atletico prima del suo arrivo. Come si suol dire Luis fa reparto da solo, la sola sua presenza mette pressione alle difese avversarie. Astuto, cinico, un vero killer in area di rigore. Decantare le sue doti è quasi stucchevole quindi niente giri di parole: cercate di accaparrarvelo!

GRIEZMANN

E' notizia di oggi che il contratto del piccolo diavolo al Barcellona avrebbe superato complessivamente i 177 milioni di euro. Un ingaggio spropositato in questi giorni di magra ed anche alla luce delle mediocri prestazioni che il francese ha regalato in terra catalana. Giocatore dai due volti, sublime quando è in giornata, capace di regalare tocchi deliziosi e goal pazzeschi, ma svogliato e quasi irritante quando la sua luna entra in conflitto con il suo segno zodiacale. Torna a casa, da quel Simeone che potrebbe ridonargli quella fame ormai persa. La concorrenza è tanta e all'Atletico gioca solo chi è in forma ed ha voglia di lottare. Non esagerate con i crediti, il rischio scottatura per Grisù è dietro l'angolo.

MATHEUS CUNHA

Fresco campione olimpico con la nazionale brasiliana (sua una delle 2 reti che hanno battuto la Spagna in finale) e proveniente dall'Herta Berlino, come detto, andrà presumibilmente a contendersi la posizione in campo con Correa. Ci aspettiamo un normale periodo di ambientamento al nuovo campionato ed alla filosofia del Cholo, ma il ragazzo ha stoffa.

CORREA A

Giocatore forse poco appariscente ma dal rendimento garantito, non per nulla Simeone gli concede moltissima fiducia. Del resto che giochi a ridosso della punta o in posizione più arretrata, Angel sa essere molto efficace ed i tre goal e un assist nelle prime tre giornate ne sono la prova. Resta una valida alternativa ai big con una precisazione: l'Atletico ha ingaggiato Cunha e Griezmann e potrebbero -tutti- andare spesso in ballottaggio.

JOAO FELIX

Alti e bassi per lui nell'ultima Liga. Non è sbagliato dire che ci si poteva aspettare di più rispetto ai 7 gol realizzati ma Joao, talento dalla classe cristallina a volte si specchia un po' troppo e manca di concretezza. Simeone, per questo, non gli ha risparmiato qualche panchina. Noi siam convinti che il giovane portoghese possa fare senza dubbio di meglio ed anche se non siamo disposti a spendere una fortuna lo vorremmo comunque nella nostra rosa.

Scommessa

MATHEUS CUNHA

Lo sappiamo, nella nostra lista ha un costo importante e nell'Atletico Madrid vi è una concorrenza spietata. Però il ragazzo ha dimostrato negli anni di avere un certo potenziale, colpi che potrebbero decidere i nostri Fanta match. Simeone potrebbe scegliere di inserirlo in campo specialmente in gare meno importanti, dove la concentrazione resta sempre alta e gli attaccanti hanno modo di far male agli avversari. Non esagerando con la spesa può essere una scommessa vinta. 

Antiscommessa

ANTOINE GRIEZMANN

Lontano parente del Griezmann che abbiamo conosciuto nella prima era con i Colchoneros, al Barcellona ha deluso per giocate, mordente e voglia di dimostrare di essere uno dei più forti attaccanti in circolazione. Ritornare all'Atletico significa tornare in quella palestra che ti ha fatto tornare grande, dove per trovare spazio bisognerà ritrovare gli occhi della tigre. Occhi che secondo noi non riusciranno a riaccendersi e che potrebbero finire a veder giocare ora Correa, ora Suarez. L'arrivo di Cunha mette ancor più dubbi sul suo conto e convinti che il suo rendimento non sia neanche paragonabile a quello di qualche anno fa, decidiamo di spendere altrove i nostri crediti.