SHARE

Nazionale, croce e delizia per i fantallenatori: i possibili crack e gli infortunati da tenere sotto controllo

Da una parte coloro che hanno brillato, dall'altra gli infortunati


|

La Serie A sta per tornare. Il fantacalcio e i fantallenatori non vedono l'ora, ma dopo questa sosta per le nazionali le rose rischiano di essere sconvolte. Se da una parte molti calciatori hanno sfruttato gli impegni con le rispettive selezioni per mettersi in mostra e mandare un messaggio ai propri club, altri sono tornati alla base in anticipo a causa di infortuni. Sorrisi da una parte, dolore e preoccupazioni dall'altra dunque. Situazioni delicate che andranno analizzate al meglio in vista della prossima giornata di Campionato.

Partendo dalle buone notizie, i dati che più saltano all'occhio sono le prestazioni di Valentino Lazaro. L'esterno dell'Inter ha incantato nelle due apparizioni con l'Austria e ha totalizzato un assist e un gol. Dopo un avvio di stagione difficile nell'Inter, in cui non ha mai giocato, è pronto ad esordire e a conquistare la fiducia di mister Conte e dei tifosi. Dopo l'infortunio di Danilo D'Ambrosio sembra davvero arrivato il suo momento: tutti i fantallenatori che hanno puntato su di lui saranno presto ripagati.

Spiccano anche le prestazioni di Elmas con la sua Macedonia del Nord. Nonostante in Serie A abbia collezionato appena 200 minuti con il Napoli rimediando solo due ammonizioni, contro la Slovenia ha firmato una doppietta ai danni di Oblak. Numeri importanti per il classe 1999 che, se dovesse confermarsi in campionato, alzerebbe la sua fantamedia che attualmente è di 5,8. Potrebbe decidere le fortune del club partenopeo e di tutti coloro che se lo sono assicurato all'asta.

La classe di Bernardeschi pronta a tornare anche in Serie A...

+
Restando a centrocampo vanno sottolineate le ottime prestazioni di Kucka e Bernardeschi. Il primo ha collezionato appena tre presenze, non particolarmente brillanti, con il suo Parma. L'ex Milan sta però tornando in forma e la rete messa a segno con la maglia della Slovacchia contro il Galles ne è la dimostrazione. Un gol inutile ai fini del risultato che però testimonia il ritorno di un calciatore che ha sempre fatto bene in Serie A e che potrebbe finalmente ritagliarsi il suo spazio nella mediana dei crociati. Stesso discorso per il talento italiano che non ha ancora regalato gioie ai fantallenatori, ma che sia in Champions League contro il Bayer Leverkusen che con l'Italia ha dimostrato di lavorare sodo e meritare più possibilità. Chissà che Maurizio Sarri non lo accontenti...  
La carica di Lukaku in vista dei prossimi impegni con l’Inter

+

Doppiette anche per Pjanic e Lukaku. Non parliamo di certo di sorprese nei loro casi, ma di conferme. Il primo anche in quest'avvio si è rivelato uno dei migliori centrocampisti del campionato con due reti e un assist. Nel suo ruolo, per l'ennesima stagione, si sta confermando un'assoluta certezza con una fantamedia di 7,29. L'attaccante belga invece ha sfruttato al meglio la sfida "agevole" contro San Marino, diventando il primo dei diavoli rossi nella storia a superare quota 50 gol. Un successo personale che conferma il suo buon stato di forma e fa ben sperare coloro che hanno investito su di lui all'asta. I prossimi impegni dell'Inter (Sassuolo, Parma, Brescia e Bologna) e l'infortunio di Sanchez, costringeranno agli straordinari Romelu e gli daranno la possibilità di continuare a stupire.

Segnali importanti anche da Arkadiusz Milik. "Voglio giocare di più, è difficile fare bene se scendi in campo solo 15 minuti a partita", ha dichiarato dopo la vittoria con tanto di gol all'80° contro la Macedonia. Messaggio forte e chiaro diretto ad Ancelotti che nelle ultime giornate lo ha utilizzato con il contagocce. Considerando i molti impegni del Napoli, tra campionato e Champions League, è scontato che l'ex Ajax avrà la possibilità per tornare a gioire anche con la maglia azzurra.

L'unico difensore della Serie A a brillare in questi giorni è stato invece German Pezzella. Dopo la rete realizzata al Franchi contro la Sampdoria, il centrale si è ripetuto con la sua Argentina, di cui è sempre di più un punto fisso, nella sfida all'Ecuador. Una gioia personale che testimonia il senso del gol di un difensore che negli ultimi anni ha fatto la fortuna della viola, salvandola in più di una partita. Nonostante i tre cartellini gialli rimediati nelle prime sette giornate di campionato, la sua media voto è positiva (6,36) e destinata a crescere se dovesse confermarsi a questi livelli...

Capitolo finale dedicato a Cristiano Ronaldo, anche se risulta difficile trovare le parole per un calciatore con i suoi numeri. Bastano due lettere e un numero: CR700. Si, perchè questo è il totale dei gol messi a segno nella carriera del portoghese dopo il rigore realizzato durante la sfida con l'Ucraina di ieri sera. Mostruoso.

Gli infortunati 

Passando alle note dolenti, sono sette (anche se Chiesa non preoccupa più di tanto) i calciatori del nostro campionato che si sono infortunati in nazionale e che rischiano di rimanere ai box a lungo. Meno fortunati sono stati sicuramente Bologna ed Inter, con due infortunati a testa, anche se il ko più pesante rischia di essere quello di Zapata dell'Atalanta. Sinisa Mihajlovic non avrà a disposizione contro la Juventus Gary Medel, anche squalificato, e Tomiyasu che contro la Mongolia si è fermato per un problema alla coscia sinistra.  
La disperazione di Conte dopo le notizie su D’Ambrosio e Sanchez...

+

Nemmeno Antonio Conte può sorridere. Si sono infatti fermati sia Alexis Sanchez che Danilo D’Ambrosio. Il cileno ha un problema alla caviglia sinistra. "Ha preso un duro colpo alla caviglia. Toccherà all'Inter decidere cosa fare. Se dovesse operarsi, starebbe fuori per due o tre mesi. È un peccato, stava tornando a giocare nel suo club, ha segnato due gol e ha giocato in Champions", ha dichiarato Rueda, c.t. del Cile. In attesa di diagnosi più accurate di sicuro salterà almeno la trasferta di domenica a Reggio Emilia, contro il Sassuolo, che a sua volta ha perso il difensore Chiriches, infortunatosi in Far Oer-Romania. Diverso il problema di D’Ambrosio, che ha riportato la “frattura della falange del quarto dito del piede destro”. Brozovic, la passata stagione, per un problema simile, saltò tre partite.

Cauto ottimismo, invece, per Federico Chiesa. L’azzurro si è fermato nel match contro la Grecia ma gli accertamenti hanno escluso lesioni tendinee e il fatto che Brescia-Fiorentina si giochi lunedì sera induce ad un certo ottimismo per il suo recupero. Discorso più serio invece per Duvan Zapata il cui problema fisico sembra essere il più grave. Il colombiano potrebbe tornare addirittura dopo la prossima sosta, saltando ben 5 gare di Serie A. Di certo questi impegni con le nazionali non hanno portato bene né a Gasperini e né a tutti i fantallenatori aggrappati alle prodezze di Duvan...