SHARE

Le classifiche del quinquennio di Serie A, Premier, Liga e Bundesliga

il bayern domina, manchester city e barcellona aumentano il vantaggio, si riduce leggermente il gap in italia


|

Nel mondo del calcio l'arco di tempo quinquennale assume in alcuni casi un significato molto importante, basti pensare al ranking Uefa sia per squadre che per nazioni che viene calcolato proprio sui risultati ottenuti negli ultimi cinque anni. Anche in Italia la cosiddetta "classifica del quinquennio" ha un'utilità pratica, perché proprio attraverso questa viene deciso come dividere fra le squadre di Serie A il 10% dei proventi totali dei diritti televisivi. E' quindi interessante andare a scoprire come si presenta la classifica del quinquennio dei principali campionati europei (Serie A, Premier League, Liga e Bundesliga) per analizzare non solo quali siano state le squadre migliori, ma anche quali sono i campionati che negli ultimi anni hanno proposto un equilibrio maggiore se non all'interno delle singole stagioni almeno all'interno del periodo di tempo considerato.

SERIE A

+

Ovviamente è la Juventus a guidare la classifica del quinquennio del campionato italiano avendo vinto tutti e cinque gli ultimi scudetti. La media punti dei bianconeri si è però abbassata rispetto all'anno scorso, scendendo a 90,8 punti di media all'anno a causa del rallentamento subito dai bianconeri nelle ultime partite di questa stagione. I 90 punti finali conquistati infatti sono il minor punteggio fatto registrare dalla Juventus negli ultimi quattro anni. Per questo motivo si riduce un po' rispetto al quinquennio 2013/18 lo svantaggio del Napoli, che scende da 65 a 53 punti. Nonostante questo anche per i partenopei è stato l'anno con meno punti fatti degli ultimi quattro. 

Al terzo posto si conferma la Roma (anche se l'ultima è stata la peggiore annata dei cinque anni) mentre al quarto sale l'Inter che sopravanza di un solo punto la Lazio. Sorpasso anche per il sesto posto con il Milan, in costante crescita come punti fatti nell'arco dell'intero quinquennio, che approfitta della pessima stagione della Fiorentina per superarla. Ai primi quattordici posti troviamo le quattordici squadre che hanno disputato tutto il quinquennio in Serie A, con il Chievo in quattordicesima posizione che non disputerà però il prossimo campionato essendo retrocesso (per il conteggio dei punti dei clivensi non sono stati considerati i punti di penalizzazione subiti in questa stagione). Il Cagliari fa meglio dell'Empoli fra le squadre che hanno disputato quattro delle ultime cinque stagioni in Serie A, il Palermo meglio del Verona fra chi ne ha fatte tre mentre la Spal aggancia l'ultimo posto utile nella "virtuale Serie A del quinquennio" precedendo Crotone, Parma e Frosinone nel quartetto di squadre che hanno disputato due stagioni nella massima serie.

PREMIER LEAGUE

+

Si allarga invece in Premier League il vantaggio del Manchester City passando da 27 a 49 punti sul Chelsea che si conferma in seconda posizione. In grande rimonta il Liverpool, che con i 96 punti realizzati in questa stagione sale al terzo posto ad appena due punti dai Blues. Il gioco degli scarti porta vicinissimo al secondo posto anche il Tottenham nonostante i 71 punti conquistati in questa stagione siano il peggior risultato degli ultimi tre anni. A chiudere il sestetto delle "Big" inglesi anche quest'anno è il Manchester United che, nonostante la sua enorme ricchezza economica, solo in un campionato degli ultimi cinque è riuscito a portare a casa più di 70 punti. 

Balzo in avanti del Leicester City che si posiziona al settimo posto e scavalca l'Everton grazie agli 81 punti realizzati nel 2015/16. Sono solo undici le squadre rimaste sempre in Premier League nell'ultimo quinquennio, l'ultima delle quali in classifica è il Crystal Palace molto costante nel conquistare sempre un punteggio compreso fra i 41 e i 49 punti. Dal dodicesimo al diciottesimo posto troviamo le sette squadre che hanno giocato quattro stagioni su cinque guidate dallo Stoke City. Al dicannovesimo posto il Sunderland, unico ad aver disputato tre stagioni, mentre al ventesimo troviamo il Brighton and Hove Albion che è la migliore con due campionati all'attivo. Da segnalare i 57 punti realizzati quest'anno dal Wolverhampton che permettono ai Wanderers con un solo campionato all'attivo di stare davanti in classifica all'Aston Villa che di stagioni ne ha disputate due. 

LIGA

+

Il Barcellona mantiene lo stesso punteggio dell'aggiornamento dell'anno scorso replicando gli 87 punti di sei anni fa, che sono comunque il peggior risultato del quinquennio. Il vantaggio sugli eterni rivali del Real Madrid però aumenta a seguito dell'annata da dimenticare delle Merengues chiusa con appena 68 punti, tanto che i cugini dell'Atletico Madrid si avvicinano ad appena 20 punti di distanza riuscendo anche in questa annata a superare quota 75 punti come nelle altre quattro. 

Il Siviglia mantiene il quarto posto ma deve subire l'avvicinamento del Valencia, che negli ultimi due anni ha fatto nettamente meglio. Perde una posizione invece il Villarreal capace di raccimolare in questa stagione appena 44 punti. Come per la Premier League, anche qui abbiamo undici squadre sempre presenti con l'Eibar a chiudere il gruppo. Fra le cinque squadre con quattro campionati disputati la migliore è il Betis Siviglia, mentre fra le cinque da tre molto bene l'Alaves che con una stagione in meno riesce a sopravanzare di ben dieci punti il Deportivo La Coruna

BUNDESLIGA 

+

Anche se quest'anno ha dovuto faticare più del previsto, è sempre il Bayern Monaco a dominare in Germania con quasi cento punti di vantaggio sul Borussia Dortmund che anche quest'anno è stato sopravanzato seppur solo di due punti. Terzo si conferma il Bayer Leverkusen mentre al quarto posto sale il Borussia Moenchengladbach, che approfitta della pessima annata dello Schalke 04 che scende addirittura dal quarto al settimo posto. 

Anche per la Bundesliga undici squadre sempre presenti con l'Augsburg in undicesima posizione. In dodicesima troviamo l'RB Lipsia, che scala prepotentemente la classifica nonostante i tre campionati disputati contro i quattro delle altre sei squadre che compongono la "Bundesliga ideale" capitanate dall'Eintracht Francoforte