SHARE

Napoli-Verona, Ancelotti: "Milik in fiducia, grande attaccante. Ibra? Lo chiamo stasera..."

Postpartita all'insegna del buon umore per l'allenatore azzurro


|

Soddisfazione per Carlo Ancelotti, tornato alla vittoria con il suo Napoli al San Paolo contro il Verona: “Risultato importante per pulire l'ambiente da qualche scoria”, commenta il tecnico di Reggiolo a Sky Sport. “Abbiamo giocato contro una squadra fisica e nel primo tempo abbiamo sofferto un po', poi nella ripresa abbiamo gestito bene. Si può giocare meglio, ma questa è una partita di maturità, abbiamo mostrato buona solidità. Faccio una valutazione tattica. A volte portiamo gli esterni sui centrali e non ci sono i tempi giusti, lì abbiamo sofferto un po', eravamo in ritardo nell'uscita insieme. Nella ripresa ci siamo abbassati un po', eravamo in vantaggio e abbiamo gestito meglio".

Ancelotti: "Milik cambiato col gol con la Polonia"

Milik tornato sugli scudi: "Aveva avuto un problema fisico risolto da poco, sta ritrovando condizione e fiducia, è un grande attaccante. Il gol che ha fatto in nazionale è la chiave per cambiare la chimica di questo momento, è stato importante per lui. Bravo anche Llorente, che praticamente ha dato il fischio finale a questa gara".

Un commento anche su Di Lorenzo: "E' un giocatore importante, una sorpresa. Sa fare tutto, con umiltà e chiarezza, con molta semplicità. Fa le cose semplici e per quello gli vengono bene".

Sul fatto di avere sempre più giocatori duttili in più posizioni: "Sì, questo è un bel dilemma. Abbiamo giocatori che non sono specialisti, giocatori completi che possono giocare in diverse posizioni del campo. Dipende molto dall'interpretazione e dalla strategia per la partita. Zielinski a sinistra può essere più efficace di Fabian perché rientra sul destro, Fabian meglio a destra per lo stesso motivo. Qualcuno può pensare che questo cambio di posizioni possa penalizzare l'identità di squadra, ma la nostra identità è chiara".

Nessuno strascico con Insigne: "Era già chiarito prima. E' stato tutto chiarito il giorno dopo la tribuna di Genk, è tornato ad allenarsi tranquillamente. La sua serenità è importante per tutto il gruppo, è il capitano della squadra".

Poi Ancelotti scherza sui contatti con Ibrahimovic"No, ancora no. Lo chiamo stasera. Cosa gli dico? Che siamo qui ad aspettarlo. Lo seguo con molto affetto, ho avuto la fortuna di allenarlo e ho visto che in 29 partite di MLS ha fatto 30 gol e in 58 totali ne ha fatti 52. Domani, dopo che l'ho chiamato, vi dico tutto".