SHARE

Razzismo e social, il Pescara lo fa davvero: "Questo non è più un nostro tifoso"

Lodevole gesto del club abruzzese, che su Twitter prende posizione contro un sedicente supporter biancazzurro


|

Un gesto piccolo ma fortemente concreto, che ha raccolto gli applausi trasversali del mondo del web, ma anche dalle istituzioni: il Pescara ha detto basta alle parole, e su twitter ha preso posizione sul tema razzismo. "Questi non sono nostri tifosi", è il mantra troppo spesso ascoltato in troppe occasioni, ogni volta che l'incubo del razzismo si affaccia sul mondo del calcio. Il club abruzzese ha messo l'intento in pratica, e su twitter ha rinunciato volentieri e concretamente, con tanto di nome, cognome e post linkato, all'appoggio di un sedicente tifoso. Feedback positivi e tanta solidarietà di tanti altri club italiani

Non è il primo gesto tangibile della lotta al razzismo da parte degli spazi social del Pescara: poche settimane fa il club biancazzurro aveva apertamente contestato la replica social dell'Hellas Verona, che tentò di sgonfiare il caso degli ululati razzisti a Kessié.