SHARE

Napoli, Mertens: "Non mi vedo con un'altra squadra italiana. Voglio restare, ma..."

"A 32 anni mi sento meglio di alcuni 25enni. Record Maradona? Certo che ci penso..."


|

Intervistato da "Rtbf", l'attaccante del Napoli Dries Mertens ha parlato dell'imminente aggancio al record di reti di Maradona e del proprio futuro in azzurro: "Non mi sono mai sentito così fresco, ho 32 anni ma mi sento meglio nel mio corpo di alcuni giovani di 25-26 anni che incontro negli spogliatoi, ma forse perché io non ho figli. Vivo il momento migliore della mia carriera, segno gol molto facilmente. Ho intenzione di giocare bene per molto tempo".

"Record di Maradona? Certo che ci penso, tutti me ne parlano! Sono abbastanza orgoglioso di avvicinarmi così tanto a una leggenda del genere. Ho incontrato Maradona due volte, ne abbiamo parlato un po', ma non abbiamo fatto una foto, era a Napoli e sai come va: tutti hanno 'rotto le palle', tutti volevano una foto o un autografo, non volevo disturbarlo. Inoltre, non adoro gli idoli: quando ero bambino, non guardavo il calcio, volevo solo giocare e ho trascorso il mio tempo in pianura, vicino a casa, con i miei due fratelli. Sono loro i miei due idoli! Imitando anche un obiettivo di Maradona, perché no, non ci ho mai pensato, la prossima volta ci provo, ma se voglio segnare con la mano, non sarà possibile con il VAR...".

"Voglio solo rimanere a Napoli, ma al momento non posso dire nulla. Quando sono venuto a Genk con la mia squadra, pioveva ed era il giorno più freddo: i miei compagni di squadra mi prendevano in giro, sono passato per un idiota quando ho detto loro che è stato bello vivere in Belgio! Se me ne vado, mi mancherà tutto e non mi vedo firmare per un altro club italiano: mi renderebbe strano, mi sento a casa a Napoli".

"Non mi vedo firmare in Cina o in Qatar: come ho detto, spero di giocare il più a lungo possibile ad alti livelli. Un ritorno in Belgio alla fine della carriera? No, non credo proprio. Sono molto orgoglioso di aver condotto un tale percorso in Italia, che rimane un campionato molto tattico anche se è diventato più offensivo con gli anni. Non mi sono mai pentito di aver firmato a Napoli: sono stato felice sin dal primo giorno".