SHARE

Leo Duarte, Milan. Consigli Fantacalcio: perché comprarlo... e perché no

AMBIA LA SERIE A: LA PRESENTAZIONE DI OGNI ACQUISTO, LA SUA STORIA, LA FANTASCHEDA, LE STATISTICHE ED I FANTACONSIGLI INDISPENSABILI IN SEDE D'ASTA


|

CHI È LEO DUARTE

Leonardo Duarte da Silva, o semplicemente Leo Duarte, è il nuovo difensore del Milan, che passa dal rossonero del Flamengo a quello meneghino, con un nome, Leonardo, che al Duomo e dintorni non è propriamente banale. Nato a Mococa il 17 luglio del 1996, Duarte muove i primi passi calcistici al Desportivo Brasil, squadra di Porto Feliz. Da qui attira l'attenzione del più blasonato Flamengo, che punta forte su di lui nonostante la giovane età e lo piazza al centro della sua difesa. Qui vince due campionati brasiliani e un Trofeo di Rio. Ora il Milan, che lo ha scelto senza dubbi e ingaggiato con un contratto quiquennale, in un'ottica di rinnovamento del club rossonero, subito dopo l'acquisto di Rafael Leao.

IL RUOLO - Difensore centrale tecnicamente dotato e anche molto rapido nello stretto. Duarte eccelle nel gioco aereo, essendo il difensore che ha vinto il maggior numero di duelli aerei (ben 101) nell'arco degli ultimi due Brasilerao. Centrale difensivo affidabile, che all'occorrenza si è adattato bene, anche grazie alla sua velocità e alla sua gamba, al ruolo di terzino destro.

PERCHÈ PRENDERLO AL FANTACALCIO - Perché il Milan ha puntato dritto su di lui e contestualmente ha anche investito una bella somma per portarlo a Milano. Ha dalla sua la voglia di emergere e la fame del giovane che si proietta in un campionato importante come quello italiano; altro dato a suo favore è anche la duttilità difensiva che gli permette di ricoprire due ruoli differenti nel reparto difensivo. La ventata di novità portata dalle sue caratteristiche, poi, potrebbe affascinare l'allenatore esteta Marco Giampaolo.

... E PERCHÈ NO - Il prospetto brasiliano arrivato dal Flamengo stuzzica, ma in generale non garantisce certezze di impiego perché dovrà scavalcare nelle gerarchie un certo Mateo Musacchio, che l'anno scorso si è  ripreso con gli interessi quanto lasciato nel primo anno italiano. Stante l'inamovibilità di Alessio Romagnoli, Leo dovrà  sostanzialmente fare la corsa su di lui, salvo qualche impiego da terzino destro che non rientra nei piani della dirigenza rossonera. E nonostante la carriera da predestinato, che lo ha portato a essere il secondo giocatore più giovane a esordire in Copa Libertadores, la strada si presenta in salita almeno all'inizio. Il cambio in panchina Gattuso-Giampaolo, però, potrebbe rimescolare le carte e regalargli una chance da non fallire.

STATISTICHE - Sono stati due i gol realizzati, uno nel Brasilerao e uno in Copa Libertadores, da Leo Duarte nelle 92 presenze collezionate con la maglia  del Flamengo. Difensore pulito, in grado di contenere i malus, con un cartellino di media preso ogni 6 partite giocate.

LA FANTASCHEDA (1-5)

VALORE ASSOLUTO DEL CALCIATORE: 3/5

VALORE FANTACALCISTICO DELL'ACQUISTO: 2.5/5

CONTINUITA': 2.5/5

POTENZIALE TITOLARITA': 2.5/5

RESISTENZA AGLI INFORTUNI: 4/5

TENDENZA AL BONUS IN PROPORZIONE AL RUOLO: 1.5/5